No da Roma all’accordo
che salva Vidussi

Il minstero del lavoro boccia il patto lavoratori-azienda per salvare i posti. Il sindacato esulta. L’impresa: per noi è valido

    di Lucia Aviani

    CIVIDALE. “No” del Ministero del lavoro all’accordo salvagente studiato e attivato dalla ditta Vidussi – nei mesi scorsi – per preservare la propria esistenza e per non sacrificare alcun posto di lavoro. Esulta il sindacato («Lo avevamo detto»), fa spallucce la direzione del grande magazzino, che si proclama serena e convinta di aver ben operato.

    La notizia è arrivata ieri, da canali sindacali appunto, «per quanto – rileva la categoria – la comunicazione ministeriale, ci è stato riferito, fosse stata inoltrata all’azienda già tre settimane fa. Eppure, a quel che ci risulta, i dipendenti non ne sono al corrente. Non tutti, quanto meno. Ad informali, così, adesso ci pensiamo noi». Alla direzione territoriale del lavoro di Udine la direzione generale delle relazioni industriali e dei rapporti di lavoro evidenzia come appaia «di dubbia percorribilità la scelta dello strumento conciliativo per la formalizzazione di accordi conclusi fra datore di lavoro e la totalità dei lavoratori, in quanto strumento di norma utilizzato in funzione deflattiva e di preventivo componimento di un conflitto individuale in essere.

    A tale riguardo – prosegue la nota – si rileva come non sembri fondata l’affermazione, contenuta nell’accordo, secondo cui le dimensioni della forza aziendale non permettono il ricorso alla procedura di solidarietà né alla cassa integrazione o ad altri ammortizzatori sociali». Un tanto perché – continua la missiva – l’entità dello staff (52 dipendenti) e il riferimento del contratto nazionale collettivo lascerebbero supporre l’applicazione di meccanismi di ammortizzazione sociale a regime e perché, «laddove ciò non dovesse essere, si potrebbero comunque attivare ammortizzatori sociali in deroga. Dal testo dell’accordo emerge inoltre che, a fronte di una dismissione certa dei diritti dei lavoratori, vi è una contropartita del tutto eventuale».

    Il riferimento è all’annunciata divisione fra i dipendenti del 50% degli utili realizzati. In conclusione: «Simili accordi non paiono avallabili, in quanto sembrano eludere norme e istituti inderogabili a tutela dei lavoratori. Ove essi venissero sottoposti alla Commissione di conciliazione presso la direzione territoriale del lavoro, questa dovrebbe rilevare i profili di inammissibilità della trattazione della controversia». Ma i vertici di Vidussi, come detto, non si scompongono. «Secondo il Ministero, l’accordo non è valido. Per noi lo è eccome. Andiamo avanti per la nostra strada, d’intesa con il personale. Se poi qualche dipendente decidesse di rivalersi sull’azienda, libero di farlo. Anzi, l’assenza di ratifica da parte del dipartimento provinciale è circostanza che, di per sé, rappresenta un’ulteriore tutela del lavoratore, che in qualsiasi momento – ribadisco – potrà tirarsi indietro. L’operazione che abbiamo posto in essere è vitale per il mantenimento in vita dell’attività e per la difesa di tutti i posti d’impiego. Nessuno escluso». All’orizzonte, intanto, l’apertura della nuova sede di Remanzacco, in programma per la prima decade di ottobre. Per il momento l’ipotesi di assunzioni è congelata: la fase di avvio sarà affidata ad 8 degli attuali dipendenti.


    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    13 settembre 2012

    Lascia un commento

    Casa di Vita

    La tavola di Pasqua

    Altri contenuti di Cronaca

    Negozi

    ilmiolibro

    Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana

     PUBBLICITÀ