Menu

  • Seguici su

Maltempo: Roberti, a ministro Costa priorità per superare emergenza

Pordenone, 8 nov - Non considerare gli alberi abbattuti dal maltempo e il materiale portato sulle spiagge dalle mareggiate come un semplice rifiuto. Ma anche la possibilità di pulire gli alvei dei fiumi dalla vegetazione, derogando dalle normali procedure previste.

Sono queste le due richieste che il Friuli Venezia Giulia, attraverso l'assessore regionale alle Autonomie locali Pierpaolo Roberti, ha formulato al ministro dell'Ambiente Sergio Costa e al sottosegretario Vannia Gava nel corso dell'audizione avvenuta oggi a Roma alla Conferenza delle Regioni. La riunione, alla presenza del rappresentante del Governo, è servita per fare il punto della situazione nelle varie zone d'Italia che nelle settimane scorse sono state colpite dal maltempo.

In particolare Roberti si è soffermato su due aspetti, il primo dei quali - che riveste il carattere di urgenza - riguarda il problema degli alberi abbattuti dal vento. "Abbiamo chiesto al ministro - spiega Roberti - di non considerare quel legname come un semplice rifiuto, così come anche il tantissimo materiale riversatosi sulle spiagge dei nostri litorali a seguito delle mareggiate. Se fosse accolta la nostra proposta, da un lato si riuscirebbero a snellire le procedure per la raccolta e lo smaltimento e, dall'altro, si otterrebbe un notevole risparmio di costi".

Nel formulare le richieste, Roberti ha ricordato che in soli tre giorni di maltempo, nelle zone montane del Friuli Venezia Giulia sono stati abbattuti dal vento un quantitativo di alberi che normalmente vengono tagliati in circa tre anni. Inoltre l'assessore ha posto all'attenzione dell'esponente del Governo una prima sommaria stima dei danni che, per la nostra regione, ammonta a oltre 500 milioni di euro. "Il ministro Costa - ha detto Roberti - sullo specifico tema degli alberi e del materiale portato a riva dalle mareggiate, ha prospettato la disponibilità della Protezione Civile a procedere con una propria ordinanza affinchè tutto ciò non venga considerato come rifiuto".

In seconda battuta Roberti ha anche chiesto di poter procedere, con interventi di manutenzione ordinaria, alla pulizia degli alvei dei fiumi dalla folta vegetazione che fa da barriera al deflusso delle acque verso valle. Nello specifico l'intento è quello di semplificare le procedure attualmente vigenti, derogando quindi alla richiesta dell'autorizzazione ambientale per poter compiere i lavori.

"Sia questo tema che quello dei rifiuti - ha detto l'assessore regionale al termine dell'incontro - saranno posti all'attenzione del Governo già nel corso del Consiglio dei ministri in programma per questa sera. Tuttavia, soprattutto per il problema dei rifiuti, da superare con le ordinanze della Protezione civile, abbiamo già avuto delle rassicurazioni confortanti che ci fanno ben sperare. Ci attendiamo di avere risposte specifiche in tempi brevi per consentire di compiere quanto prima gli interventi per superare l'attuale stato di emergenza". ARC/AL/ep

fonte: Agenzia di informazione della Regione Friuli Venezia Giulia


Lascia un commento

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro