Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Ex latteria, l’edificio sarà demolito

Rischia il crollo. Il Comune si accollerà la spesa di 18 mila 300 euro

MONTEREALE VALCELLINA. Lo stabile dell’ex latteria di Montereale, in via Ciotti 11, sarà abbattuto. Cornicione e tegole pericolanti avevano costretto l’amministrazione comunale a transennare l’edificio, adiacente al circolo Arci intitolato a Tina Merlin, già all’inizio di ottobre 2013.

Sin da allora si erano posti problemi di pubblica incolumità per persone e mezzi che si trovavano a transitare in quel tratto di via Ciotti.

Il progressivo deterioramento dell’immobile aveva avuto inizio negli ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

MONTEREALE VALCELLINA. Lo stabile dell’ex latteria di Montereale, in via Ciotti 11, sarà abbattuto. Cornicione e tegole pericolanti avevano costretto l’amministrazione comunale a transennare l’edificio, adiacente al circolo Arci intitolato a Tina Merlin, già all’inizio di ottobre 2013.

Sin da allora si erano posti problemi di pubblica incolumità per persone e mezzi che si trovavano a transitare in quel tratto di via Ciotti.

Il progressivo deterioramento dell’immobile aveva avuto inizio negli anni Ottanta con la chiusura della latteria, quando alla stessa conferivano il latte solamente agricoltori di Andreis e di centri limitrofi a Montereale Valcellina.

Già alla fine del 2013, il sindaco Pieromano Anselmi con un’ordinanza aveva chiesto di mettere in sicurezza lo stabile a Pasquale Rossi, quale legale rappresentante della latteria sociale di Montereale Valcellina. In una nota successiva, il rappresentante della latteria aveva dichiarato l’impossibilità di rispettare l’ordinanza.

Per far fronte una volta per tutte alla situazione di pericolo, il sindaco Anselmi ha ora deciso di procedere d’ufficio alla demolizione dell’immobile. L’incarico è stato affidato alla ditta Ghiaie Ponte Rosso, con un impegno complessivo di spesa per il Comune di 18 mila 300 euro. I lavori saranno seguiti per il Municipio da Erasmo De Zorzi, responsabile dell’ufficio tecnico municipale. (s.c.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA