Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Torrente Alba, lavori per 250 mila euro

ANDREIS. Il torrente Alba è noto ad Andreis per l’instabilità delle sponde e per i continui fenomeni di dissesto idrogeologico che si manifestano lungo il corso. Da qui, la decisione della Regione...

ANDREIS. Il torrente Alba è noto ad Andreis per l’instabilità delle sponde e per i continui fenomeni di dissesto idrogeologico che si manifestano lungo il corso. Da qui, la decisione della Regione Fvg di mettere mano al greto e alle rive in prossimità dell’abitato.

L’operazione di ricalibratura dell’alveo e di manutenzione straordinaria dell’Alba è stata ceduta in delegazione al Comune: significa che spetta all’ente locale gestire i 250 mila euro di fondi stanziati da Trieste. Il sindaco Rome ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

ANDREIS. Il torrente Alba è noto ad Andreis per l’instabilità delle sponde e per i continui fenomeni di dissesto idrogeologico che si manifestano lungo il corso. Da qui, la decisione della Regione Fvg di mettere mano al greto e alle rive in prossimità dell’abitato.

L’operazione di ricalibratura dell’alveo e di manutenzione straordinaria dell’Alba è stata ceduta in delegazione al Comune: significa che spetta all’ente locale gestire i 250 mila euro di fondi stanziati da Trieste. Il sindaco Romero Alzetta ha bandito un appalto per la ricerca di un professionista esterno a cui affidare la progettazione dell’intervento di difesa spondale. All’interno della pianta organica del Municipio non si trovano infatti figure tali da poter seguire l’iter. E’ molto probabile che il cantiere vero e proprio non parta prima del 2016, contando anche i tempi tecnici per l’aggiudicazione del bando da parte dell’impresa di escavazioni.

L’intervento sull’Alba servirà pure alla pulizia del letto del corso d’acqua, intasato non soltanto da centinaia di metri cubi di ghiaia in eccesso: nel corso degli anni, la zona si è rimboschita a dismisura, con tronchi pericolosamente vicini all’alveo attivo. In caso di ondate di piena, il rischio è quello di un blocco delle arcate dei ponti a causa del materiale legnoso trascinato a fondovalle. In questo senso si inserisce anche una seconda ordinanza di Alzetta. Entro il 31 maggio, le famiglie residenti in paese potranno infatti presentare domanda per il recupero di legna morta nei terreni comunali. Così che il Comune risparmierà sulle bonifiche dei siti e la gente della valle sulla bolletta del riscaldamento. (f.fi.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA