Quotidiani locali

Sequals, nel nome d’una via il no alla pena di morte

Da lunedì 10 aprile una strada si chiamerà “30 novembre 1786”, giorno della sua abolizione nel Granducato di Toscana

SEQUALS. Il Comune di Sequals ha dedicato una delle vie del suo territorio alla data del 30 novembre 1786, giorno in cui il Granducato di Toscana, primo Stato al mondo, abolì legalmente la pena di morte con l’emanazione della legge di riforma della legislazione criminale toscana, nota come Codice leopoldino, firmata dal granduca Pietro Leopoldo d’Asburgo-Lorena (Leopoldo II).

La strada è quella che, dall’incrocio tra via Antonio Falcomer e via Edoardo Cristofoli, porta al campo sportivo comunale, che si affaccia sulla provinciale 34, in direzione di Lestans. La cerimonia d’intitolazione si terrà lunedì, alle 10, con partenza dal campo sportivo di via Primo Carnera.

La decisione di dedicare una via a questa data rientra tra le iniziative che il Comune ha avviato la scorsa estate quando ha aderito alla campagna mondiale contro la pena capitale, chiamata “Città per la vita - Città contro la pena di morte”, promossa della Comunità di Sant’Egidio.

Comunità da tempo impegnata su questo fronte e che ha realizzato importanti iniziative pubbliche, intensificando in molte parti del mondo attività culturali ed educative con i giovani e il sostegno diretto ai condannati a morte.

Oltre a decidere d’intitolare una via alla data dell’abolizione, l’amministrazione ha dichiarato il 30 novembre giornata cittadina contro la pena capitale. Inoltre, si è impegnata «a fare di quest’adesione motivo di accresciuta responsabilità, operando in tutti gli ambiti di propria competenza perché siano assicurati spazi di adeguata informazione e sensibilizzazione sulle motivazioni del rifiuto di tale pratica e sul progresso della campagna abolizionista nel mondo».

Iniziative sono state promosse pure nei plessi scolastici, grazie alla collaborazione con il comitato pordenonese dell’Unicef. Tra queste c’è stato il laboratorio sui diritti del bambino che ha coinvolto gli alunni delle classi quarte e quinte delle primarie di Sequals e di Lestans.

Assieme alla presidente del comitato, Emiliana Moro, i bambini hanno toccato vari temi, con particolare riferimento al diritto alla vita. I loro lavori saranno presentati lunedì, in occasione della cerimonia.

Questa s’inizierà alle 10 con il ritrovo al campo

sportivo di via Primo Carnera. Qui si formerà il corteo che si sposterà sulla via dedicata al 30 novembre.

L’arrivo è previsto per le 10.30. Alla manifestazione parteciperà anche Rosanna Rovere, presidente dell’Ordine degli avvocati di Pordenone.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Pordenone Tutti i ristoranti »

Il mio libro

TORNA IL CONCORSO PIU' POPOLARE DEL WEB

Premio letterario ilmioesordio, invia il tuo libro