Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Oggi pomeriggio al Don Bosco i funerali di Candotti

Saranno officiati oggi alle 15, nella chiesa parrocchiale San Giovanni Bosco di Pordenone, i funerali di Renzo Candotti, deceduto venerdì scorso all’interno della propria abitazione.Candotti, figlio...

Saranno officiati oggi alle 15, nella chiesa parrocchiale San Giovanni Bosco di Pordenone, i funerali di Renzo Candotti, deceduto venerdì scorso all’interno della propria abitazione.

Candotti, figlio del leggendario presidente della sezione Ana di Pordenone Mario, era un dipendente della FriulAdria in pensione, grande era appassionato di sport. Ed è proprio questo ambiente a piangerlo, con le testimonianze d’affetto a lui rivolte che, in questi giorni, si sono succeduti copiosi da parte di co ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Saranno officiati oggi alle 15, nella chiesa parrocchiale San Giovanni Bosco di Pordenone, i funerali di Renzo Candotti, deceduto venerdì scorso all’interno della propria abitazione.

Candotti, figlio del leggendario presidente della sezione Ana di Pordenone Mario, era un dipendente della FriulAdria in pensione, grande era appassionato di sport. Ed è proprio questo ambiente a piangerlo, con le testimonianze d’affetto a lui rivolte che, in questi giorni, si sono succeduti copiosi da parte di colleghi allenatori, ex giocatori e ragazzi che “il mister” aveva seguito nel loro percorso sui campi di calcio.

Nella zona di viale Grigoletti, dove abitava, lo conoscevano praticamente tutti. Un po’ per la sua idiosincrasia alle automobili (viaggiava sempre su un maxiscooter oppure in bicicletta), un po’ per la sua abitudine di recarsi ogni mattina a fare colazione nel bar di fronte casa. Era stata proprio la sua insolita assenza insospettire il personale del locale, che l’aveva chiamato ripetutamente al cellulare. Non ottenendo risposta aveva avvisato i vigili del fuoco, giunti presto nel condominio Giardino con il personale del 118 e le volanti della questura. Non c’era più nulla da fare per il pensionato, morto due settimane dopo l’amata mamma Zora Nigris, che era venuta a mancare, a 94 anni, il 19 gennaio scorso. Tragica fu la scomparsa del padre, Mario, reduce di Albania, di Nikolajewka e partigiano. Al rientro dal funerale di un reduce alpino a Vito d’Asio, l’11 maggio 1985 rimase coinvolto in un incidente stradale a Poincicco che gli fu fatale. Ogni anno gli alpini ricordano il loro presidente di sezione.

©RIPRODUZIONE RISERVATA