Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Tempesta di fulmini, incendio nell’ex mensa e sette treni soppressi

Paura in una casa a Casarsa dove sono andati in tilt  gli elettrodomestici Rami caduti a Spilimbergo e molti pali pericolanti



Tempesta di fulmini a Casarsa della Delizia, rami caduti sulle strade nello Spilimberghese e pali della telecom pericolanti a Pordenone, Roveredo in Piano, Cordenons e ancora Casarsa, treni in tilt sulla Sacile-Maniago. L’improvviso scroscio temporalesco di ieri pomeriggio, pur nella sua breve durata, non è stato privo di conseguenze nel Friuli occidentale.

Un fulmine ha colpito il quadro elettrico all’interno dell’ex mensa del dopolavoro ferroviario a San Giovanni di Casarsa, in via del Fan ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter



Tempesta di fulmini a Casarsa della Delizia, rami caduti sulle strade nello Spilimberghese e pali della telecom pericolanti a Pordenone, Roveredo in Piano, Cordenons e ancora Casarsa, treni in tilt sulla Sacile-Maniago. L’improvviso scroscio temporalesco di ieri pomeriggio, pur nella sua breve durata, non è stato privo di conseguenze nel Friuli occidentale.

Un fulmine ha colpito il quadro elettrico all’interno dell’ex mensa del dopolavoro ferroviario a San Giovanni di Casarsa, in via del Fante. Per poter entrare nello stabile dismesso i vigili del fuoco di San Vito al Tagliamento hanno dovuto forzare il lucchetto.

La fiammata è rimasta confinata all’impianto, ma il fuoco non si è propagato all’interno della struttura perché non c’era materiale infiammabile. L’incendio è stato domato con gli estintori dai pompieri, che hanno richiesto il supporto del carro bombole da Pordenone per ricaricare gli autoprotettori di ossigeno.

I vigili del fuoco hanno appreso da un inquilino di una palazzina nelle vicinanze che anche nella sua abitazione un lampo aveva danneggiato il televisore, il telefono e altri elettrodomestici. Tanto spavento, dunque, per il fulmine in casa e danni alle cose, ma nessuno è rimasto ferito.

Sulla via del ritorno nella sede del distaccamento, i vigili del fuoco di San Vito si sono imbattuti in un tamponamento a catena in viale del Mattino, con soli danni ai veicoli (due auto e un camion) e si sono fermati ad aiutare i carabinieri nella gestione della viabilità, congestionata dal traffico.

Intanto sulla Sacile-Maniago i lampi hanno provocato guasti agli apparati elettrici. Sette treni regionali della linea sono stati soppressi e sostituiti con corse dei bus. Rete ferroviaria italiana ha provveduto immediatamente ai lavori di riparazione. Un intervento che si è protratto fino alle 20 di ieri. Da qui la necessità di garantire agli utenti un servizio di trasporto alternativo via gomma e non via rotaia.

Per i previsori dell’Arpa Osmer è incerta l’evoluzione meteorologia odierna. Come mai? «L’assenza di sistemi frontali ben definiti – scrivono sul sito della protezione civile regionale – rende la previsione locale decisamente incerta, sia per le tempistiche che per i fenomeni, tuttavia il contesto atmosferico è favorevole allo sviluppo di temporali forti sul Triveneto».

Ecco perché la protezione civile del Fvg ha proclamato l’allerta meteo dal pomeriggio di ieri fino all’intera giornata di oggi, con stato di allerta in giallo: «Saranno probabili temporali sparsi, forse anche forti, alternati a fasi di tempo migliore».