Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Dissesto, dopo 13 anni arrivano i paramassi

CIMOLAISDopo tredici anni si sta formalmente completando l’iter per la protezione dal dissesto idrogeologico dell’abitato di Cimolais. L’amministrazione comunale guidato dal sindaco Davide Protti ha...

CIMOLAIS

Dopo tredici anni si sta formalmente completando l’iter per la protezione dal dissesto idrogeologico dell’abitato di Cimolais. L’amministrazione comunale guidato dal sindaco Davide Protti ha incaricato l’ingegnere Stefano Raffin di Pordenone di procedere al collaudo delle strutture paramassi costruite a monte del centro urbano.

Si tratta di un intervento del quale si parla dal 2005. Era stato av viato l’anno scorso da parte dell’impresa locale Ambrogio Fabris, specializzata nelle boni ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

CIMOLAIS

Dopo tredici anni si sta formalmente completando l’iter per la protezione dal dissesto idrogeologico dell’abitato di Cimolais. L’amministrazione comunale guidato dal sindaco Davide Protti ha incaricato l’ingegnere Stefano Raffin di Pordenone di procedere al collaudo delle strutture paramassi costruite a monte del centro urbano.

Si tratta di un intervento del quale si parla dal 2005. Era stato av viato l’anno scorso da parte dell’impresa locale Ambrogio Fabris, specializzata nelle bonifiche da frane. In località Crep de Savath la presenza di terreni instabili faceva temere improvvisi distacchi di inerti nelle vicinanze delle case. Il cantiere è costato più di mezzo milione di euro, fondi regionali erogati dalla protezione civile regionale. I lavori sono stati gestiti direttamente dal municipio.

Lo smottamento di Crep de Savath viene in ogni caso monitorato in occasione di avverse condizioni meteo. L’estrema fragilità dell’area potrebbe portare a un peggioramento del dissesto. —

F.FI.

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI