Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Usi e costumi della montagna: a Frisanco e Poffabro è tempo di “Paesi aperti”

Colori, profumi e sapori “veri” di un tempo a passeggio in uno dei borghi più belli

Montagna pordenonese protagonista a Frisanco per Paesi aperti: l’intento dell’iniziativa è quello di permettere ai visitatori di trascorrere una giornata in uno dei borghi più belli d'Italia come Poffabro per conoscere usi e costumi della montagna pordenonese e i suoi prodotti artigianali con chioschi e laboratori allestiti nelle vie del centro storico.
 
Sin dal mattino si potrà vivere una giornata unica: camminando a piedi per le vie, si potranno riscoprire colori, profumi e sapori di un tem ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Montagna pordenonese protagonista a Frisanco per Paesi aperti: l’intento dell’iniziativa è quello di permettere ai visitatori di trascorrere una giornata in uno dei borghi più belli d'Italia come Poffabro per conoscere usi e costumi della montagna pordenonese e i suoi prodotti artigianali con chioschi e laboratori allestiti nelle vie del centro storico.
 
Sin dal mattino si potrà vivere una giornata unica: camminando a piedi per le vie, si potranno riscoprire colori, profumi e sapori di un tempo. Questi centri montani sono infatti caratterizzati da tipiche abitazioni in pietra con balconi fioriti che arricchiscono le facciate. Tra Frisanco, Poffabro e borgo Menis sarà possibile scoprire angoli della regione spesso dimenticati, incastonati dal maestoso monte Raut.
 
Passeggiando per le strette vie si potranno conoscere usi e costumi della montagna e i prodotti artigianali attraverso chioschi e laboratori allestiti in occasione .

La bellezza della montagna, inoltre, passa anche attraverso i sapori: sarà così possibile gustare le specialità tipiche della zona. Si potranno assaggiare, infatti, numerosi piatti tipici della cucina montana: muflone e cinghiale, polenta con la morcja (a base di burro cotto), scopeton (aringa), salam ta l’aseit, pitina, coniglio, selvaggina, frico, dolci fatti in casa, minestre di verdure e legumi, frico (con cipolla, patate e uova, ricotta, cipolla e pepe), fagioli e polenta.
 
Per favorire la conoscenza degli angoli e scorci più caratteristici del paese, è stato studiato un percorso enogastronomico con stand fissi, che permette al visitatore di unire ai piaceri del palato quello di una piacevole camminata in luoghi peculiari e suggestivi. È attivo un servizio di bus navetta dalle 10 alle 18 con partenza da Frisanco per raggiungere in modo più comodo e veloce i borghi della festa.