Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Donna colpita alla schiena con un coltello da cucina, arrestato il marito

Succede a Sesto al Reghena. Lei, 64 anni, prima ricoverata a Udine e poi dimessa. Lui, accusato di lesioni gravi, processato per direttissima

Colpita alla schiena dal marito con un coltello da cucina mentre stava facendo le pulizie. Un raptus fulmineo, tanto chela donna non si è resa conto dell’arrivo alle spalle del consorte, accorgendosi della coltellata soltanto quando la fitta di dolore – tanto intenso da farla gridare – le ha attraversato il corpo e la mente. Ha continuato a urlare attirando l’arrivo dei vicini. In tre sono intervenuti riuscendo a “disarmare” il marito, che peraltro non ha opposto resistenza. Poi sono arrivat ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Colpita alla schiena dal marito con un coltello da cucina mentre stava facendo le pulizie. Un raptus fulmineo, tanto chela donna non si è resa conto dell’arrivo alle spalle del consorte, accorgendosi della coltellata soltanto quando la fitta di dolore – tanto intenso da farla gridare – le ha attraversato il corpo e la mente. Ha continuato a urlare attirando l’arrivo dei vicini. In tre sono intervenuti riuscendo a “disarmare” il marito, che peraltro non ha opposto resistenza. Poi sono arrivati l’equipe medica dell’elisoccorso, i carabinieri e sono scattate le manette. La donna è stata trasportata in elicottero all’ospedale di Udine: inizialmente le sue condizioni sembravano gravi, ma il fendente, che è penetrato in un punto della schiena leggermente decentrato verso la spalla destra, fortunatamente non ha leso organi vitali.

Sono stati momenti di paura quelli vissuti in un’abitazione al civico 35 di via Monte Santo, elegante e tranquilla zona residenziale nella frazione di Bagnarola. L’85enne R.L. Neal, detto “Bob”, aviatore americano in pensione, poco prima delle 10 ha afferrato un coltello da cucina dalla lama di 15 centimetri e ha colpito con un unico fendente la moglie 64enne Rumyana, di origine bulgara, che stava facendo le pulizie in una stanza adibita a ripostiglio e che poco prima gli aveva ricordato di prendere le medicine.

L’anziano, domenica mattina, 2 settembre, si era svegliato normalmente, aveva fatto colazione, ma poi nella sua mente è scattato qualcosa: una ventina di minuti dopo aver finito di consumare il pasto è stato colto dal raptus. Quando i vicini hanno fatto irruzione nella casa, dopo aver sentito le urla della donna, l’hanno trovato in uno stato confusionale: era immobile, quasi in catalessi. L’improvvisa esplosione di violenza si era ormai dissolta. I carabinieri l’hanno ammanettato in via precauzionale, più che altro per escludere il rischio che facesse del male a se stesso. Poi l’hanno portato in caserma, a Pordenone, mentre nell’abitazione venivano effettuati i rilievi scientifici, valutando anche la presenza delle tracce di sangue sul pavimento. Impegnati i militari dell’Arma delle stazioni di Cordovado, Cordenons e del Norm.

L’anziano non ha dato una spiegazione del suo comportamento: è rimasto in silenzio. La moglie nel tardo pomeriggio è stata dimessa con prognosi di appena 8 giorni. A quel punto l’arresto poteva essere soltanto per il reato di lesioni personali gravi. Neal ha trascorso la notte in camera di sicurezza, a Pordenone, e per oggi è stata fissata l’udienza di convalida con direttissima.

Nel tardo pomeriggio Rumyana ha potuto fare ritorno a casa, accompagnata da alcuni amici. L’abbiamo raggiunta telefonicamente e la donna, con garbata fermezza, ha precisato di non voler rilasciare dichiarazioni e di considerare il comportamento del marito non un atto di natura volontaria ma un gesto causato dalla patologia di cui è affetto. L’ex aviatore, dopo l’arresto, è stato subito sottoposto a una valutazione medico-psichiatrica, senza che venisse ravvisata la necessità di un ricovero.

Neal e la moglie abitano da anni a Sesto al Reghena dove sono particolarmente stimati. Chi li conosce li descrive come persone dal notevole spessore umano e culturale, ospitali e amanti dei viaggi. “Bob”, nato in Texas, ha prestato servizio ad Aviano e anche nella Raf, partecipando alla guerra delle Falkland.