Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Villa/Belvedere si tiene il “nuovo” Palio dei rioni

Ha vinto di nuovo aggiudicandosi tre prove su quattro, Saccudello secondo È piaciuta la rinnovata formula della rievocazione. Migliaia di spettatori

CORDOVADO

Il rione Villa/Belvedere vince l’edizione 33 del Palio di Cordovado raggiungendo nell’albo d’oro dei successi il rione Borgo e bissando la vittoria dello scorso anno. L’aggiudicazione del palio, dipinto dall’artista Renato Benvenuto, è avvenuta grazie a tre sfide vinte: quella di caccia al simbolo, al furto delle botti e alla giostra delle bandiere, mentre la prova di tiro con l’arco è stata appannaggio di un sorprendente rione Saccudello.

Grande successo di pubblico a questa “Cordo ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

CORDOVADO

Il rione Villa/Belvedere vince l’edizione 33 del Palio di Cordovado raggiungendo nell’albo d’oro dei successi il rione Borgo e bissando la vittoria dello scorso anno. L’aggiudicazione del palio, dipinto dall’artista Renato Benvenuto, è avvenuta grazie a tre sfide vinte: quella di caccia al simbolo, al furto delle botti e alla giostra delle bandiere, mentre la prova di tiro con l’arco è stata appannaggio di un sorprendente rione Saccudello.

Grande successo di pubblico a questa “Cordovado Medievale” che ha animato fin dal mattino le strade del centro storico per poi crescere nel pomeriggio con migliaia di presenze che si sono distribuite nei diversi punti di animazione ed attrazioni. È stata un’edizione rinnovata nei programmi e negli eventi da parte degli organizzatori Comune e Pro Cordovado che, sotto la regia di Elena Pasqual, hanno saputo creare e valorizzare aree più integrate per gli spettacoli nel contesto del paese anche per favorire un più ampio coinvolgimento degli ospiti.

La giornata è iniziata nell’antico duomo con la benedizione dei rioni e del palio, un rito particolarmente sentito dai cordovadesi celebrato dal parroco don Guido Parutto che ha ricordato l’importanza di vivere la manifestazione nella lealtà reciproca.

Tanti anche gli eventi collaterali che hanno riportato l’antica “Curtis Vadi” negli anni medievali che celebra la festa per gli 800 anni di storia: dal mercato medievale tra ceramisti, erboristi, tessitrici e cristalli alle attrazioni dei gruppi d’arme con lanci del trabucco o catapulta, tiri con la scure, duelli di scherma e tiro con l’arco e la balestra e poi le “hosterie” per le degustazioni del “porco conzo” e antiche ricette del tempo.

Il gran finale è partito dalla porta nord del castello con il corteo storico dei figuranti in costume dei quattro rioni: Borgo, Saccudello, Suzzolins e Villa/Belvedere che hanno offerto uno scenografico spettacolo tra nobili, popolani, musica e animazioni e la partecipazione del gruppo ospite degli sbandieratori della “Dama Castellana” di Conegliano.

In parco Cecchini spazio alle evoluzioni del gruppo sbandieratori di Cordovado e alla disputa dei giochi.

Villa/Belvedere ha ottenuto 22 punti; secondo un agguerrito Saccudello a 19, poi Suzzolins a 15 e Borgo con 14 punti.

L’intensa giornata rievocativa si è conclusa in piazza Santa Caterina con l’esibizione degli sbandieratori e musici della “Dama Castellana”, lo spettacolo dei “Giullari Ciarlatani” gli equilibrismi di Rakesch e le magie di fuoco di Sparkle.

«Le nostre porte si sono aperte all’accoglienza dei numerosi ospiti – ha affermato il sindaco Francesco Toneguzzo – offrendo un bel biglietto da visita in termini di promozione».

La nuova formula «che avevamo apportato alla manifestazione si è rivelata positiva – afferma il presidente della Pro loco Mauro Colavitti – ottima l’affluenza di pubblico che ha apprezzato le novità proposte, siamo riusciti a creare un bel colpo d’occhio d’insieme con un ringraziamento particolare al Comune, Elena Pasqual, ai rioni ed ai tanti volontari che hanno collaborato». —