Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Fumi dal cementificio: il M5s interroga Fedriga Tasso di Pcb nel mirino

MANIAGOIl caso del Pcb al cementificio varca i confini mandamentali. Il portavoce in consiglio regionale del Movimento 5 stelle, Mauro Capozzella, ha depositato un’interrogazione sollecitando la...

MANIAGO

Il caso del Pcb al cementificio varca i confini mandamentali. Il portavoce in consiglio regionale del Movimento 5 stelle, Mauro Capozzella, ha depositato un’interrogazione sollecitando la giunta Fedriga a rispondere in merito alle concentrazioni di policlorofenili (i Pcb, per l’appunto) rilevate nei fumi del camino dell’impianto di Fanna

«Si tratta di composti tossici e interferenti endocrini, messi al bando in Italia dal 1984» si legge nel documento. E si fa riferimento a uno studio c ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

MANIAGO

Il caso del Pcb al cementificio varca i confini mandamentali. Il portavoce in consiglio regionale del Movimento 5 stelle, Mauro Capozzella, ha depositato un’interrogazione sollecitando la giunta Fedriga a rispondere in merito alle concentrazioni di policlorofenili (i Pcb, per l’appunto) rilevate nei fumi del camino dell’impianto di Fanna

«Si tratta di composti tossici e interferenti endocrini, messi al bando in Italia dal 1984» si legge nel documento. E si fa riferimento a uno studio commissionato all’ingegnere Sandro Varnier finalizzato a rapportare i dati sulle emissioni del cementificio, misurati dall’Arpa Fvg, con la massima tollerabilità umana ai Pcb approvata dallo Jecfa, il comitato scientifico internazionale facente parte dell’Organizzazione mondiale della sanità.

I risultati emersi dalla ricerca, si specifica nell’interrogazione, «hanno evidenziato una esposizione degli abitanti del Friuli Venezia Giulia a una dose di Pcb 50 mila volte superiore a quella ammessa dall’Oms». L’iniziativa di Capozzella è sostenuta dai portavoce del M5s alla Camera (Luca Sut) e al Parlamento europeo (Marzo Zullo). Affermano Sut e Zullo: «Ci chiediamo come sia possibile che un ente pubblico abbia permesso che tale sostanza si diffondesse nell’aria in così elevate concentrazioni, mettendo a rischio la salute pubblica e l’ambiente». Da qui l’auspicio di una «risposta decisa» da parte della giunta regionale, chiamata a intervenire «per evitare il protrarsi di quello che potrebbe essere un disastro ambientale».

L’appello di Capozzella, Sut e Zullo giunge a ridosso del meeting del M5s a Porcia, organizzato dai rappresentanti in consiglio regionale (è in programma domenica a Villa Dolfin): tra i temi affrontati sarà dato ampio spazio al filone ambientale.

L’interrogazione in Regione segue un’analoga iniziativa dei pentastellati a Maniago, intrapresa dai consiglieri Antonio Iracà e Johnny Didoni. «Al cementificio della Buzzi Unicem è consentito emettere sino a 1,4 tonnellate l’anno di Pcb nonostante non esista autorizzazione che permetta all’impianto di ricevere rifiuti o materiali contenenti queste sostanze» evidenziano nel documento. La richiesta al sindaco Carli e all’assessore all’ambiente Quas è di conoscere «le azioni intraprese per chiarire questa incongruenza e tutelare i cittadini». —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI