Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

L’appello dello Spi-Cgil: casa di riposo, i sindaci cerchino un accordo

SACILE«Un tavolo per sette sindaci dell’Ambito 6.1 per ampliare la casa di riposo a Sacile». Stop ai campanilismi: Nazario Mazzotti, responsabile dell Spi-Cgil, ha proposto l’alleanza intercomunale...

SACILE

«Un tavolo per sette sindaci dell’Ambito 6.1 per ampliare la casa di riposo a Sacile». Stop ai campanilismi: Nazario Mazzotti, responsabile dell Spi-Cgil, ha proposto l’alleanza intercomunale per strappare alla Regione il via libera su progetto di 40 posti letto aggiunti in via Ettoreo.

«Sindaci allo stesso tavlo per confermare e rinnovare il sostegno al progetto in Regione – ha invocato il sindacalista –. Tutti assieme per ampliarla e fare sistema per ridurre i costi di gestione». Tem ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

SACILE

«Un tavolo per sette sindaci dell’Ambito 6.1 per ampliare la casa di riposo a Sacile». Stop ai campanilismi: Nazario Mazzotti, responsabile dell Spi-Cgil, ha proposto l’alleanza intercomunale per strappare alla Regione il via libera su progetto di 40 posti letto aggiunti in via Ettoreo.

«Sindaci allo stesso tavlo per confermare e rinnovare il sostegno al progetto in Regione – ha invocato il sindacalista –. Tutti assieme per ampliarla e fare sistema per ridurre i costi di gestione». Tempi stretti per un accordo tra Sacile, Budoia, Polcenigo, Brugnera, Caneva, Fontanafredda e Aviano.

«In dicembre 2018 sarà approvata la legge di bilancio regionale 2019 che può mettere a disposizione circa 4 milioni di euro necessari al cantiere nella casa di riposo liventina – ha segnalato Mazzotti –. Potrà essere autorizzata e finanziata, in tutto oppure a lotti separati, dalla Regione l’ampliamento per circa 40 posti da aggiungere agli attuali».

Un lungo iter, intanto a Sacile gli over 65 sono 4.326 e cento anziani sono in lista d’attesa per l’accesso alla Casa protetta in via Ettoreo dove gli spazi sono per 86.

«Il dibattito con schermaglie politiche va avanti da oltre sei anni sul necessario ampliamento della struttura in via Ettoreo – ha ricordato Mazzotti –. La comunità sacilese sostiene la necessità di rispondere ai bisogni degli anziani residenti nei sette comuni del mandamento, realizzando al più presto la nuova ala. Ha ragione a protestare il presidente dell’Uti e sindaco di Caneva Andrea Gava nei confronti del sindaco sacilese Carlo Spagnol che, attivando il confronto con l’assessore regionale alla salute Riccardo Riccardi, non ha ritenuto di coinvolgere i sei sindaci del territorio».

I bisogni degli anziani residenti in tutti i Comuni non hanno colore politico. «I primi cittadini devono remare nella stessa direzione – ha suggerito Mazzotti –. Il tavolo dei sindaci può rinnovare il sostegno al progetto e attivare il pressing in Regione. Senza fare sistema sarà difficile avviare il percorso di ampliamento».

Il sindacato, che conta oltre 4 mila pensionati nell’area liventina, chiede di più. «Nuove sinergie tra le case di Sacile e Aviano – è la proposta avanzata da Mazzotti –. L’obiettivo è quello di ridurre i costi di gestione per contenere le rette: stop agli aumenti e gravami sui bilanci dei Comuni». –

C.B.

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI