Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Proteste dei cittadini per i bidoni dei rifiuti abbandonati in strada

Molti contenitori non vengono recuperati dopo la raccolta. Raffica di segnalazioni. Il M5s: La giunta deve intervenire»

MANIAGO. Bidoni della raccolta differenziata lasciati lungo le strade anche nelle giornate in cui non è previsto il ritiro del materiale di scarto: è pioggia di segnalazioni a Maniago e i cittadini chiedono all’amministrazione comunale un intervento immediato.

A raccogliere le proteste sono i consiglieri del Movimento 5 stelle Antonio Iracà e Johnny Didoni, i quali hanno fatto sapere di essere in attesa di un incontro col Dec (Direttore di esecuzione del contratto) per discutere delle diverse ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

MANIAGO. Bidoni della raccolta differenziata lasciati lungo le strade anche nelle giornate in cui non è previsto il ritiro del materiale di scarto: è pioggia di segnalazioni a Maniago e i cittadini chiedono all’amministrazione comunale un intervento immediato.

A raccogliere le proteste sono i consiglieri del Movimento 5 stelle Antonio Iracà e Johnny Didoni, i quali hanno fatto sapere di essere in attesa di un incontro col Dec (Direttore di esecuzione del contratto) per discutere delle diverse situazioni di criticità inerenti alla raccolta differenziata.

Secondo i pentastellati, ci sono margini d’intervento per apportare migliorie al sistema di raccolta porta a porta spinto, come stabilito dal capitolato. Anche se l’assessore all’ambiente, Franca Quas, ha dichiarato che sino al 2021 non si potrà mettere mano al sistema, a detta del M5s qualcosa si può fare. Da qui la necessità di un confronto sull’argomento per entrare nel merito e capire quali modifiche si possono apportare per andare incontro in primis alle istanze della cittadinanza.

Tra i problemi principali, come hanno messo in evidenza i pentastellati, quelli che riguardano il conferimento dell’umido. In altri comuni, ad esempio Spilimbergo, ci sono cassonetti stradali per vetro e umido. Poter contare su questi ultimi significa evitare di collocare lungo le vie pesanti contenitori: un’agevolazione non da poco per chi vive in condominio e pure per gli anziani. I maniaghesi sono in attesa di risposte: in alcune vie il quadro è critico, anche perché gli incivili sono sempre dietro l’angolo.

Un’altra proposta che porta la firma dei Cinque stelle riguarda l’installazione di ecocompattatori e cassonetti intelligenti nei quali conferire lattine e bottiglie di plastica e ottenere in cambio buoni spesa. Il fatto di ottenere un buono spesa in cambio del conferimento di determinati materiali può rappresentare un incentivo importante anche per cercare di ridurre il fenomeno degli abbandoni indiscriminati. Nei Comuni italiani in cui sono stati installati gli ecocompattatori, l’operazione è stata a costo zero per le casse municipali. Pure su questo fronte i pentastellati aspettano di capire cosa deciderà la giunta.