Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Giovanna d’Arco porta bene In 40 mila alla Rievocazione

La festa dedicata alla Pulzella d’Orleans è stata tra le nove migliori di sempre Un ricco calendario di 150 eventi e la “magia” della cena medievale ai Serviti





Santa Giovanna d’Arco ha portato bene a Medioevo a Valvasone, la rievocazione storica nell’antico borgo, inserito tra quelli più belli d’Italia, svoltasi lungo tutto il fine settimana e dedicata in questa edizione proprio alla pulzella d’Orleans e alle sue gesta.

Il Grup Artistic Furlan, che ha organizzato la manifestazione con il patrocinio del Comune di Valvasone Arzene, ha quantificato in oltre 40 mila le presenze da venerdì a ieri, inserendo quindi quella appena conclusa nel novero delle ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter





Santa Giovanna d’Arco ha portato bene a Medioevo a Valvasone, la rievocazione storica nell’antico borgo, inserito tra quelli più belli d’Italia, svoltasi lungo tutto il fine settimana e dedicata in questa edizione proprio alla pulzella d’Orleans e alle sue gesta.

Il Grup Artistic Furlan, che ha organizzato la manifestazione con il patrocinio del Comune di Valvasone Arzene, ha quantificato in oltre 40 mila le presenze da venerdì a ieri, inserendo quindi quella appena conclusa nel novero delle migliori edizioni di sempre.

Il bel tempo e il ricco calendario con oltre 150 eventi, hanno richiamato numerosi visitatori, anche grazie alla novità di allargare il programma al pranzo e al pomeriggio del sabato con eventi specificatamente dedicati al pubblico delle famiglie. Ieri per l’appunto il gran finale, con i visitatori che fin dal mattino ha iniziato a riempire il centro storico. In piazza Mercato è stato apprezzato Il Cortile degli animali con conigli, pulcini, galline, asinelli che hanno rallegrato il viso di tanti bambini. Sguardi puntati anche sullo spettacolo dei rapaci (altra novità 2018), fieri volatili visibili al Brolo nell’area dedicata accanto a battaglie di armigeri, tiro con l’arco, l’ascia e la balestra.

La fiera medievale con decine di espositori ha rallegrato le varie vie del centro storico, dove in ogni momento si sono alternati spettacoli di sbandieratori, tamburini e artisti di strada. Numerosi anche i visitatori che hanno raggiunto il castello per scoprirne gli ambienti con la magnifica sala degli affreschi e il teatrino del conte, nonché le mostre di iconografia e i laboratori di pittura con pigmenti e di scrittura, la mostra dei tessuti, abiti e mobili storici e l’esposizione fotografica Il Medioevo a Valvasone negli anni che ha ripercorso le precedenti edizioni.

Nel tardo pomeriggio, terza e ultima replica della rappresentazione drammatica del Teatro dei misteri, che ha messo in scena le gesta eroiche di Giovanna d’Arco, grazie a un appassionato gruppo di attori in costume “capitanati” dai due attori professionisti Aida Talliente e Gabriele Benedetti.

Da ricordare inoltre come sabato sera 300 commensali nel chiostro dell’ex convento dei Serviti hanno potuto partecipare alla fiabesca cena medievale su prenotazione, con pietanze ispirate alla cucina francese dell’età di mezzo (tra essi anche il vicepresidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, mentre l’assessore alle attività produttive e turismo Sergio Emidio Bini ha visitato la kermesse ieri).

Sul fronte gastronomico apprezzate le proposte delle undici taverne in cui il pubblico ha potuto gustare piatti medievali bagnati da vino, birra e distillati. Taverne gestire da associazioni locali, che in questo modo autofinanziano la propria attività lungo i restanti mesi dell’anno. La festa ha visto la partecipazione pure delle attività ricettive locali, con quelle del centro storico che hanno allestito anch’esse dei chioschi esterni alla loro porta ampliando ulteriormente l’offerta per i visitatori: un particolare che testimonia come la rievocazione sia un volano per l’economia locale. –