Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Ragazzine prese di mira con manifesti anonimi a luci rosse

Pravisdomini, trovato un volantino fuori dalle scuole. Nei mesi scorsi diffamata una dodicenne. A maggio la stessa mano ignota tappezzò di lettere oscene le vetrine dei locali

PRAVISDOMINI. Ragazzine prese di mira dal grafomane maniaco a Pravisdomini. Alla prima campanella, lunedì 10 settembre, davanti alle scuole elementari e medie, è stato trovato un volantino a luci rosse, che alludeva in modo esplicito a una fantasia sessuale con una adolescente «dietro le siepi della banca».

L’autore del manifestino – un foglio in formato A4 battuto al computer e con vari errori grammaticali – millanta di essere stato avvicinato da una ragazzina che si sarebbe offerta a lui pe ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

PRAVISDOMINI. Ragazzine prese di mira dal grafomane maniaco a Pravisdomini. Alla prima campanella, lunedì 10 settembre, davanti alle scuole elementari e medie, è stato trovato un volantino a luci rosse, che alludeva in modo esplicito a una fantasia sessuale con una adolescente «dietro le siepi della banca».

L’autore del manifestino – un foglio in formato A4 battuto al computer e con vari errori grammaticali – millanta di essere stato avvicinato da una ragazzina che si sarebbe offerta a lui per 10 euro, nelle vicinanze della scuola media di Pravisdomini.

Evidentemente si tratta di fantasie dell’autore senza alcuna attinenza con la realtà, ma sicuramente i contenuti osceni dello scritto sono tali da creare turbamento negli alunni di medie ed elementari che frequentano l’istituto comprensivo.

Anche perché non è la prima volta che volantini dal contenuto analogo vengono affissi a Pravisdomini, suscitando allarme sociale.

A maggio, una notte, presumibilmente la stessa mano ignota ha tappezzato il paese di fogli A4: davanti alle scuole medie, sulle vetrine di tre bar, di un negozio da parrucchiera e di un market. Contenuti spinti e scrittura sgrammaticata coincidono.

Ma in quel volantino il grafomane diffamava una dodicenne con tanto di nome e cognome e indirizzo di casa, sostenendo che si sarebbe presentata nuda alla piazzola per la raccolta degli indumenti usati e che, qualora non lo avesse fatto, sarebbe stata rapita, violentata e uccisa e il suo corpo esibito sul sagrato della chiesa.

Chi può aver inventato simili oscenità su una ragazzina indifesa? Chi sta seminando sgomento con le lettere anonime a Pravisdomini? I carabinieri si stanno interessando del caso. La speranza dei residenti è che l’autore sia individuato.