Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Tragico incidente, auto contro camion: muore a 63 anni

L'uomo, croato, aveva vissuto due anni a Zoppola. L'impatto in autostrada tra Cessalto e Motta di Livenza

Incidente mortale all’alba di ieri sulla strada che collega Cessalto a Motta di Livenza, in provincia di Treviso. Un autotrasportatore croato, Midhet Sehic, è morto dopo che la sua automobile si era scontrata con un autocarro all’altezza di un incrocio nel territorio di Cessalto. Sehic aveva abitato nel comune di Zoppola tra il 2008 e il 2010: in pochi in paese, però, si ricordano del camionista.

L’INCIDENTE
La tragedia è avvenuta verso le 5.50 di ieri. La vittima, un autotrasportatore di una ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Incidente mortale all’alba di ieri sulla strada che collega Cessalto a Motta di Livenza, in provincia di Treviso. Un autotrasportatore croato, Midhet Sehic, è morto dopo che la sua automobile si era scontrata con un autocarro all’altezza di un incrocio nel territorio di Cessalto. Sehic aveva abitato nel comune di Zoppola tra il 2008 e il 2010: in pochi in paese, però, si ricordano del camionista.

L’INCIDENTE
La tragedia è avvenuta verso le 5.50 di ieri. La vittima, un autotrasportatore di una ditta di Resana, stava viaggiando a bordo di una Peugeot 307. L’automobile stava uscendo da via Callunga e stava per immettersi in via Calnova. Purtroppo, in quel momento stava transitando lungo via Calnova un autocarro della Renault condotto da un italiano di 46 anni, residente in provincia di Pesaro e originario di Palermo. L’impatto è stato estremamente violento. Dall’auto della vittima si è staccato il motore, che è finito in una canaletta opposta alla scarpata, dove, invece è ruzzolato il mezzo. Al momento, non sono nate le cause del terribile scontro: l’accertamento della dinamica spetterà ai caribinieri della compagnia di Conegliano, intervenuti assieme ai vigili del fuoco di Treviso e all’ambulanza del 118.

LA VITTIMA
La vittima è morta sul colpo, a causa del tremendo impatto tra i due veicoli. Per recuperare il corpo dell’autotrasportatore di origini croate si è reso necessario un lungo e laborioso lavoro da parte dei vigili del fuoco di Treviso, i quali hanno dovuto utilizzare le pinze idrauliche. I pompieri sono stati impegnati a lungo, come detto, mentre il traffico era stato bloccato. La strada, infatti, subito dopo l’incidente mortale è rimasta interrotta per diverse ore in modo da permettere ai carabinieri della compagnia di Conegliano di effettuare i rilievi. Il sostituto procuratore di turno, Barbara Sabattini, ha aperto un fascicolo per omicidio colposo. Non è escluso che sotto inchiesta, per il momento solo a garanzia di eventuali perizie, finisca il conducente dell’autocarro, rimasto ferito, fortunatamente non in maniera grave.

IL PAESE
Difficile ricostruire i due anni trascorsi da Sehic a Zoppola. L’uomo, come detto, aveva vissuto nel comune del Friuli occidentale dal 2008 al 2010, prima di trasferirsi in un’altra località. Nato nella ex Jugoslavia nell’aprile 1955, in base alle poche informazioni disponibili sulla sua permanenza nel nostro Paese, l’autotrasportatore era in Italia da diversi anni: lavorava regolarmente. Una vita tranquilla, che si è spezzata bruscamente all’alba di ieri in provincia di Treviso, a causa di un terribile incidente stradale.