Quotidiani locali

Le capolista frenano e in coda è battaglia: tre gironi da brivido

In Prima categoria, dopo l’ultimo turno, regna l’incertezza: molte le squadre risucchiate nella lotta per non retrocedere

È stata la giornata delle occasioni perdute in Prima Categoria, dove sia in testa che in coda più di qualche squadra ha dato segnali di stanchezza.

I pareggi delle capolista Brian, Isonzo e Ol3, seguiti dai mezzi passi falsi di chi sgomita per un posto al sole, vedi Risanese, Gradese e Torreanese, hanno aggiunto incertezza alla corsa ai primi posti, contribuendo ad attirare altre formazioni nelle sabbie mobili della zona retrocessione, dove le sole Pro Aviano e Villesse sembrano non crederci più.

Girone A. Pareggiando a reti bianche, e non senza soffrire in quel di Camino, la Brian si è fatta rosicchiare due punti dal Fiume Veneto, vittorioso a Caneva. Ora il vantaggio della compagine di Precenicco è di soli 4 punti, un margine che non può lasciare tranquilli Lepore e compagni, vicini al ko sul campo di un Camino confermatosi grande con le grandi e determinato a inseguire la salvezza.

Certo che a guardare la classifica dalla metà in giù, con ben 8 formazioni raccolte in soli 5 punti, la zona calda sta assumendo proporzioni inaspettate in cui è consigliabile non perdere colpi.

Peccato non l’abbia capito il Codroipo, che a Montereale ha sbagliato l’approccio alla partita subendo tre gol in venti minuti, giusto il tempo per rianimare una diretta concorrente. Non ha invece fallito il Lavarian, passato per 2-0 a Vallenoncello, palesando carattere e attenzione.

Da segnalare, inoltre, il cambio in panchina al Sesto, con Mauro Azzalini chiamato a sostituire Raffaele Zimolo.

Girone B. Le parate salva-risultato di Dose ad Artegna da una parte e gli assalti vani al fortino della Fulgor di Caruzzi e compagni dall’altra. Ecco spiegato il nuovo sorpasso del Terzo, capolista con 2 punti di margine sulla Ol3. Alle spalle del duo di testa non ha vinto nessuna delle cinque inseguitrici.

La Risanese è crollata sotto i colpi di un’Ancona disperata e finalmente concreta come la voleva mister Masolini. La Torreanese ha pareggiato il derby con l’Aurora fermando a quota sette la striscia di vittorie consecutive degli ospiti e la Gradese ha ceduto di schianto in casa superata dalla Tarcentina.

In coda, l’Aquileia ha inguaiato la Pasianese, mentre il Treppo è stata l’unica formazione tra le ultime cinque a non fare punti. Il colpo grosso l’ha messo a segno il Santamaria a Buia, con Chiarandini decisivo almeno quanto gli errori di Franz.

Girone C. L’inaspettato pareggio dell’Isonzo sul campo dell’Isontina, penultima, ha riaperto il campionato. Ora Biondo e compagni hanno solo 3 punti di vantaggio sul Primorec.

Stefano Martorano

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

In edicola

Sfoglia Messaggero Veneto
e ascolta la musica con Deezer.3 Mesi a soli 19,99€

ATTIVA
ilmiolibro

Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.