Quotidiani locali

Solo due poltrone per tre pretendenti

Delizia, Ardita e Fus-Ca in lizza per i posti-promozione Un terzetto giù da Prima e Seconda per la riforma 2013

TOLMEZZO. La non iscrizione del Val Fella ha indotto il comitato regionale Figc a ridisegnare il Carnico per la stagione 2013, quando in Prima categoria avrà 14 squadre, in Seconda e Terza 13. Perciò nel campionato al via dalla Terza categoria saranno promosse solo 2 squadre, mentre restano 3 le retrocessioni dalla Prima alla Seconda e dalla Seconda alla Terza. Erano anni che la Terza categoria non annoverava società blasonate quali Ampezzo (5 scudetti), Verzegnis e Malborghetto (uno a testa), poi non mancano squadre che si sono rinforzate e, quindi, pronte a lottare per la promozione. Una di queste è senza dubbio La Delizia. Mister Edilio Toffoletto e il nuovo ds Loris Rassatti sono riusciti a mettere in cantiere una formazione di alto spessore tecnico, tanto da sorprendere lo stesso allenatore. «Dopo 3 anni di purgatorio è forse arrivato il momento di cambiar passo e cercare l’agognata promozione – ammette Toffoletto –. Dai primi allenamenti mi sto rendendo conto che i nuovi arrivati hanno tutte le potenzialità per far fare alla squadra il salto di qualità che da tempo la società cercava». Cambio della guardia in casa Ardita. I “canarini” sono stati affidati a Elio Pascoli in quanto la “bandiera” Maurizio Romanin, pur rimanendo in società, ha deciso per motivi familiari e lavorativi di concedersi una lunga pausa, non prima di aver cementato l’organico. Altra formazione che può mirare ai posti di vertice è senza ombra di dubbio il ridisegnato Fus-Ca di mister Gianni De Sandre grazie a una campagna rafforzamento di tutto riguardo che ha visto arrivare in casa arancione giocatori di spessore quali Nevio Dario, Giulio Paschini, Mirco Frezza e Daniele Rossi. L’Ampezzo cambia faccia a partire dal consiglio direttivo, con un neofita del Carnico in plancia quale il presidente Giovannino Bearzi. «Essendo Ampezzo il mio paese natio, una volta contattato dagli ambienti sportivi ampezzani per una mia eventuale disponibilità a far parte del nuovo direttivo – precisa Bearzi – ho accettato convinto che ci siano le possibilità per riportare i “rossi” nel posto che per blasone compete loro. Non sarà un’impresa facile, ma le premesse ci sono tutte contando su un allenatore di fresco patentino quale Tiziano Coradazzi e un gruppo di giocatori che ho già visto coeso». Scongiurato il pericolo di una possibile non iscrizione, a Verzegnis il nuovo direttivo capitanato da Marino Lunazzi ha consegnato la squadra a Luciano Patat, per la prima volta su un panchina del Carnico. «Mi sono gettato in quest’avventura con molto entusiasmo – ammette Patat –. Le prime risposte che ho avuto dalla squadra sono state più che positive, con i ritrovati “senatori” trascinatori del gruppo». Dopo la collaborazione esterna data nella stagionescorsa, Sergio Mansutti ha accettato di sedersi sulla panchina del rinnovato Lauco; con i ritorrni di Luca Nodale, Alan Verona e Andrea Florit i neroarancio potrebbero diventare la sorpresa della categoria. Il retrocesso Ravascletto riparte mandando in panca Roberto Da Pozzo, ex bomber biancoverde, e continuando a credere nei giovani, come hanno fatto pure Malborghetto e Nuova Tarvisio. Il Rigolato potenzia l’attacco con l’accoppiata amatoriale Fabio Fanti - Alessandro Oggian. Appaiono, infine, molto corposi gli organici di Stella Azzurra e Val del Lago. Confermati sulle rispettive panchine Mario Sanna e Fabio Picco, ambiscono a un campionato per migliorarsi rispetto al passato restando avversari di tutto rispetto.

Renato Damiani

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

In edicola

Sfoglia Messaggero Veneto
su tutti i tuoi
schermi digitali. 2 mesi a soli 14,99€

ATTIVA Prima Pagina
ilmiolibro

Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.