Quotidiani locali

L'arrivo di Zico al Friuli: "Il mio obiettivo era vincere lo scudetto"

Il campione ricorda i momenti trascorsi a Udine e ringrazia i tifosi: "Che bello essere qui con voi"

La storia del calcio non è solo vincere. L'importante è il rispetto per i tifosi che mi hanno accolto qui. Tutti hanno visto quello che facevo per dare il mio contributo".

Zico arriva allo stadio Friuli: "Ero venuto qui per lottare per lo scudetto" Il grande campione ricorda gli anni con la maglia bianconera e ringrazia i tifosi: "Che bello essere qui, seguo anche da lontano l'Udinese" (Video a cura di Simonetta D'Este e Diego Petrussi)

Questo è Zico: un campione assoluto non solo sul campo, ma fuori dal campo. Allo stadio Friuli il Galinho ha salutato così i suoi tifosi. "Ero venuto qui per lottare per lo scudetto. Deve essere questo l'obiettivo per un calciatore, purtroppo nel girone di ritorno mi feci male e poi ci furono altri problemi, mancava la vecchia guardia per poter risolvere i problemi. E poi iniziarono quelli tra Mazza e Dal Cin", eccola qui un'altra chicca del campionissimo che ha pure fatto gli auguri a Roberto Baggio, che sabato compie 50 anni e ha ricordato Totò Di Natale, l'altro grande che ha fatto la storia dell'Udinese.

leggi anche:

Tutto questo e molto ancora in quella che non è solo una conferenza stampa, ma un vero e proprio abbraccio al suo Friuli. Il campionato italiano? "Ha perso molto rispetto a quando c'ero io, solo la Juve è all'altezza del vecchio calcio italiano. Ma una cosa è certa: io tifo sempre per l'Udinese e quando posso vedo le partite della mia squadra". Questo il primo atto del ritorno del Galinho in Friuli. Sabato la festa sotto la Loggia del Lionello a Udine, poi, domenica il clou con l'abbraccio dei tifosi allo stadio.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

Il mio libro

TORNA IL CONCORSO PIU' POPOLARE DEL WEB

Premio letterario ilmioesordio, invia il tuo libro