Quotidiani locali

lega pro

Pordenone calcio, niente sconti per Burrai: fuori tre turni 

Respinto il ricorso sulla squalifica. Il regista, out con il Bassano, perderà anche i match di andata e ritorno degli ottavi

PORDENONE. Nessuno sconto. La seconda sezione della Corte sportiva d’Appello, riunitasi ieri, ha respinto il ricorso presentato dal Pordenone relativo alla squalifica di tre turni comminata a Salvatore Burrai.

Il regista, espulso nell’ultima partita di stagione regolare con la Sambenedettese a causa di una gomitata, dopo il match col Bassano dovrà così osservare dalla tribuna gli incontri di andata e di ritorno con la Giana Erminio, validi per gli ottavi di finale dei playoff. Una decisione, questa, che nessuno nell’ambiente neroverde si aspettava: nei giorni scorsi si respirava ottimismo e si puntava ad avere il giocatore per il match del Bottecchia di mercoledì prossimo. Invece niente.

Attesa. Non sono invece state ancora rese note le motivazioni che hanno portato alla decisione di non concedere alcun turno di sconto.

La sezione della Corte sportiva d’Appello le farà conoscere nei prossimi giorni, a quanto pare. Forse, l’organo che ha giudicato ha tenuto conto del quantitativo di cartellini “rossi” (3) e “gialli” (11) che il giocatore ha rimediato nel corso del campionato: essendo recidivo in questo tipo di comportamenti, la Corte ha ritenuto non opportuno concedere una giornata di grazia. Tuttavia, da un lato, poco importa: rimane per il Pordenone la rabbia di non poter disporre il giocatore, l’unico con le caratteristiche di regista “puro” in squadra, e di affrontare così un turno di playoff delicato con un’altra soluzione tattica di emergenza.

Le opzioni. Naturalmente deluso e dispiaciuto Burrai, che non vedeva l’ora di tornare in squadra per riscattarsi e far ricordare a tutti che giocatore è. Il suo gesto, nella testa di tanti, ha fatto passare quasi in secondo piano l’incredibile campionato che ha disputato: un rendimento tale da essere considerato per molti il miglior neroverde della stagione e il regista più forte del campionato.

Adesso Tedino rifletterà in relazione alle scelte tattiche da prendere. È probabile che, per la gara di domani, riproponga lo stesso modulo con cui ha superato il Bassano: per l’occasione aveva adottato il 4-1-4-1 con Suciu a sostituire Burrai nel ruolo di metodista davanti alla

difesa e Cattaneo e Misuraca in appoggio all’unica punta Arma. In queste ultime ore il tecnico neroverde farà le sue valutazioni. Di certo, la squadra – per com’è unita – giocherà per la qualificazione anche per regalare a Burrai un degno finale di annata.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

Il mio libro

TORNA IL CONCORSO PIU' POPOLARE DEL WEB

Premio letterario ilmioesordio, invia il tuo libro