Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

L’Union Pasiano ci sarà Con la decana Pro Fagagna anche tante debuttanti

udine. Con l’approdo alla presidenza di Paolo Bonotto, ex vicesindaco di Pasiano di Pordenone nonché fratello del dimissionario massimo dirigente dell’Union Pasiano Michele, il sodalizio rossoblù ha...

udine. Con l’approdo alla presidenza di Paolo Bonotto, ex vicesindaco di Pasiano di Pordenone nonché fratello del dimissionario massimo dirigente dell’Union Pasiano Michele, il sodalizio rossoblù ha dissipato le nubi che si erano addensate sul proprio futuro, confermando la sua partecipazione al campionato di Promozione dopo la retrocessione seguita alla biennale esperienza in Eccellenza. Si sono così spente le speranze del Diana di San Vito di Fagagna di venire ripescata nella cadetteria re ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

udine. Con l’approdo alla presidenza di Paolo Bonotto, ex vicesindaco di Pasiano di Pordenone nonché fratello del dimissionario massimo dirigente dell’Union Pasiano Michele, il sodalizio rossoblù ha dissipato le nubi che si erano addensate sul proprio futuro, confermando la sua partecipazione al campionato di Promozione dopo la retrocessione seguita alla biennale esperienza in Eccellenza. Si sono così spente le speranze del Diana di San Vito di Fagagna di venire ripescata nella cadetteria regionale, disegnando in modo definitivo il quadro delle 32 squadre che comporranno il secondo livello della gerarchia regionale e aprendo il giochino della loro suddivisione nei due gironi in cui si articola la categoria.

Esercizio che sembra meno arduo rispetto al passato, e tenendo comunque in considerazione il criterio della vicinorietà territoriale da sempre privilegiato per la possibilità di dar vita ai sempre sentitissimi derby, la composizione dei raggruppamenti non dovrebbe discostarsi da quella che segue. Girone A: Camino, Codroipo, Gonars, Pro Fagagna, Risanese, Casarsa, Corva, Pravisdomini, Prata/Falchi, Sanvitese, Sesto Bagnarola, Spal Cordovado, Torre, Union Pasiano, Vajont e Vivai Rauscedo. Girone B: Ol3, Pro Cervignano, Tarcentina, Tolmezzo, Virtus Corno, Valnatisone, Chiarbola, Costalunga, Ism, Mladost, Primorje, Pro Romans/Medea, San Giovanni, Sistiana, Trieste Calcio e Zaule Rabuiese.

La DECANA
A dispetto del suo status dimatricola, la Pro Fagagna è la società che con la sua ventesima presenza in Promozione è quella che vanta la maggior frequentazione delle categoria nelle 28 stagioni seguite alla riforma dei campionari varata nel 1991. In questa graduatoria è seguita dal Casarsa (18), dal Trieste Calcio (18), dal Torre (17) e dalla Spal Cordovado (16), mentre più prolungata striscia aperta di partecipazioni appartiene al Trieste Calcio (11) seguito dalla Valnatisone (9). . LE DEBUTTANTI
Affronteranno invece per la prima volta nella loro storia la Promozione il Vajont, il Mladost di Doberdò del lago e il Chiarbola, società che nelle ultime quattro stagioni ha dato continuità al percorso del Ponziana, storica società giuliana in C nei primi anni Cinquanta, che può annoverare tra gli ex calciatori del calibro di Fabio Cudicini e Giovanni Galeone. Altri spaccati di gloria calcistica appartengono anche alla Sanvitese (20 stagioni in serie D) e alla Virtus Corno (appena retrocessa dopo 9 anni in Eccellenza e il successo in Coppa Italia nel 2015). . PANCHINE NOBILI
Nel girone A avranno modo di affrontarsi tecnici del calibro di Fabio Pittilino (Codroipo), Pino Cortiula (Pro Fagagna), Massimo Muzzin (Casarsa) e Pino Vittore (Spal Cordovado), tra i massimi protagonisti delle recente storia pallonara regionale, mentre nel raggruppamento friulo-isontino-giuliano si contrapporranno i titani-decani Gianni Tortolo (Pro Cervignano) e Giuliano Zoratti (Ism). —C.R..