Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Avvio in equilibrio Adesso predomina la maxi “pareggite”

Su sette match disputati, ben cinque sono terminati senza vinti né vincitori A imporsi due matricole, Fiume Veneto/Bannia e Flaibano con il minimo scarto

UDINE

Partenza all’insegna dell’equilibrio per la Coppa Italia di Eccellenza. Nelle 8 gare tra sabato e domenica ci sono stati ben 6 pareggi, e la squadre capaci di prevalere nelle altre due (le matricole Fiume Veneto/Bannia e Flaibano) lo hanno fatto con un solo gol di margine. Non sono comunque mancate le sorprese, con le 4 neopromosse tutte imbattute nonostante fossero opposte alle squadre piazzatesi dietro il Chions la passata stagione.



Si è comportato così Giuseppe Sangiovanni del Torvis ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

UDINE

Partenza all’insegna dell’equilibrio per la Coppa Italia di Eccellenza. Nelle 8 gare tra sabato e domenica ci sono stati ben 6 pareggi, e la squadre capaci di prevalere nelle altre due (le matricole Fiume Veneto/Bannia e Flaibano) lo hanno fatto con un solo gol di margine. Non sono comunque mancate le sorprese, con le 4 neopromosse tutte imbattute nonostante fossero opposte alle squadre piazzatesi dietro il Chions la passata stagione.



Si è comportato così Giuseppe Sangiovanni del Torviscosa, facendosi parare un rigore dal portiere del Fiume Vento/Bannia Omar Rossetto. L’estremo difensore neroverde può infatti vantarsi di aver neutralizzato un penalty al Mario nazionale in una gara del campionato allievi disputata il 19 marzo 2006, quando il suo Cittadella si impose per 2-0 sul Lumezzane di Balotelli, ma non è per questo che il Torviscosa è caduto in terra pordenonese. I boys del presidente Midolini, seppur penalizzati dalle squalifiche del difensore Zanon e degli attaccanti Borsetta e Puddu residui della finale persa con il San Luigi a gennaio, erano comunque passati in vantaggio, ma hanno pagato alla giornataccia del loro portiere Nardoni penalizzato da un virus intestinale. Il nuovo allenatore Gianluca Marin si dimostra comunque fiducioso. “La gara – sospira – è stata decisa da episodi su palla inattiva, ma in ogni caso noi abbiamo ben in testa il progetto che vogliamo portare avanti pur consci che ci sono molte cose da migliorare. Nulla è perduto, e abbiamo a disposizione ancora 95’ per raddrizzare la situazione». Alle viste un paio di operazioni di mercato: la prima potrebbe riguardare il centrocampista ex Rivignano in D Alessio Boldarin (1987) che già si allena a Torviscosa, la seconda un difensore 1999 in uscita dalla Triestina.



Nemmeno il Lumignacco è riuscito a vincere la prima gara ufficiale della stagione, ma pur ritrovandosi sotto per 2 volte in casa della Juventina è quantomeno riuscita a impattare. Preziose le reti dei 2 ragazzi, il nigeriano Ime Akam (centrocampista inventato punta dal nuovo tecnico Mauro Conte) e il baby Del Fabbro (classe 2000) reduce dall’esperienza alla Beretti del Pordenone. La mancanza di punte di spessore per la categoria rischia di tarpare le ambizioni rossoblù, ma Conte non si fascia la testa. “I ragazzi – sottolinea – si sono mossi bene, e la dirigenza sta lavorando per trovare i 2 attaccanti di cui avremmo bisogno. In questa fase non è facile trovarli, e se non ci dovesse riuscire vorrà dire che lavoreremo per far migliorare ancor di più i ragazzi di cui disponiamo».



Ha dimostrato di averle il Brian Precenicco, che frenato dai legni colpiti da Baruzzini e Ietri e dal ritardo di condizione del nuovo bomber Cesca non è riuscito a piegare il Kras. «I loro portiere – mastica amaro il ds Fabio Berti – è stato il migliore campo, e penalizzarci sono state anche le condizioni del campo e i nostri carichi di lavoro più pesanti rispetto ai loro». Annacquate dalla pioggia abbattutasi sul terreno Caporiacco anche le batterie offensive di Tricesimo e Manzanese, non andate a loro volta oltre lo 0-0.



Si è vissuto a Lignano, per lo scontro tra le teste del portiere locale Gobbato e il compagno di squadra Candussio subito dopo il gol dell’immediato vantaggio lagunare sul Flaibano. Il numero uno se l’è cavata con 7 punti di sutura, il difensore è stato trattenuto invece in ospedale per la notte dopo l’applicazione di 6 punti. Secondario, per quanto gratificante per loro, il fatto che gli ospiti abbiano segnato in rapida sequenza 3 reti creando i presupposti per violare il “Teghil”.



I match di ritorno si giocheranno sabato prossimo alle 20 a eccezione, al momento, di Torviscosa - Fiume Veneto/Bannia già anticipata alle 18. —