Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Domenica la Trieste-Udine: un’occasione per ricordare i caduti della Grande Guerra

Una corsa per unire la Regione, un'occasione per vedere all’opera i migliori under 17 del territorio dell’Alpe Adria e non solo e un’opportunità di ricordare, con commozione e senso di rispetto, i...

Una corsa per unire la Regione, un'occasione per vedere all’opera i migliori under 17 del territorio dell’Alpe Adria e non solo e un’opportunità di ricordare, con commozione e senso di rispetto, i caduti della Grande Guerra nel centenario della fine del Primo Conflitto Mondiale. Tutto ciò è la Trieste - Udine, corsa ciclistica riservata agli allievi e organizzata dall’AssiFriuli, che si disputerà domenica, con partenza dalle Rive triestine alle 10 e arrivo più o meno tra le 12 e le 12.30, so ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Una corsa per unire la Regione, un'occasione per vedere all’opera i migliori under 17 del territorio dell’Alpe Adria e non solo e un’opportunità di ricordare, con commozione e senso di rispetto, i caduti della Grande Guerra nel centenario della fine del Primo Conflitto Mondiale. Tutto ciò è la Trieste - Udine, corsa ciclistica riservata agli allievi e organizzata dall’AssiFriuli, che si disputerà domenica, con partenza dalle Rive triestine alle 10 e arrivo più o meno tra le 12 e le 12.30, sotto allo striscione del traguardo posto in viale Leopardi a Udine.

Nel mezzo, i passaggi in angoli suggestivi della Regione, dal bivio Miramare a Doberdò del Lago, da Gorizia a Cormons, per poi planare a grande velocità verso l’arrivo. Soprattutto, il passaggio a San Giovanni di Duino, nei pressi del monumento dedicato ai “Lupi di Toscana”, i fanti che si distinsero nella battaglia sul monte Hermada, rappresenta un significativo tributo alla memoria: è il motivo per cui il comitato Coni Fvg ha inserito l’evento nel novero dei Friendship Games.

Nel 2017 vinse l’austriaco Maximilian Schmidbauer, ultimo di una serie di nomi importanti che assicurano prestigio all’albo d’oro della manifestazione, dal gruarese Alberto Battiston, il primo a vincere la corsa, nel 1987, fino ai vari Cecchini, Presello, Comuzzo, Cimolino, Gnan, Toffoli, l’osovano Venchiarutti e il sacilese Dal Bo, per citare solo gli italiani che hanno vinto nelle ultime quindici edizioni.

Sono 80 i chilometri da percorrere, con un paio di punti nevralgici: l’erta di Doberdò, che potrebbe assicurare una prima selezione al gruppo, e la salita al castello di Buttrio, a circa dieci chilometri dal traguardo, che dovrebbe rappresentare l’ideale trampolino di lancio per qualche finisseur. Se, invece, il gruppo riuscirà a contenere le fughe, superando Buttrio in modo compatto, allora è probabile l’arrivo in volata, con il plotone che entrerà a Udine da Paparotti, passando per viale Palmanova, con ultima curva fissata in piazzale D’Annunzio. —

F.T.