Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Viene tutto facile al Lumignacco con la Liventina

PAVIA DI UDINETutto troppo facile per il Lumignacco che, dopo l’eliminazione al primo turno di coppa Italia patita lo scorso anno per mano del neo promosso Ronchi, non ripete la débâcle superando,...



PAVIA DI UDINE

Tutto troppo facile per il Lumignacco che, dopo l’eliminazione al primo turno di coppa Italia patita lo scorso anno per mano del neo promosso Ronchi, non ripete la débâcle superando, senza difficoltà, la “matricola” Juventina rimasta in gara solo per un breve iniziale lasso di tempo in cui avrebbe potuto addirittura trovare il vantaggio con il sinistro di Dornik bloccato a terra da Ceka.

Da quel momento in poi, il giovane portiere di casa classe 2000, risulterà inoperoso. È sta ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter



PAVIA DI UDINE

Tutto troppo facile per il Lumignacco che, dopo l’eliminazione al primo turno di coppa Italia patita lo scorso anno per mano del neo promosso Ronchi, non ripete la débâcle superando, senza difficoltà, la “matricola” Juventina rimasta in gara solo per un breve iniziale lasso di tempo in cui avrebbe potuto addirittura trovare il vantaggio con il sinistro di Dornik bloccato a terra da Ceka.

Da quel momento in poi, il giovane portiere di casa classe 2000, risulterà inoperoso. È stato poi monologo dei rossoblù, superiori in ogni reparto, e avanti nel punteggio quando il sinistro a giro di Cucciardi, autentica furia finché è rimasto in campo, si chiude sotto l’incrocio dei pali. Insiste la squadra di casa con il raddoppio che sembra cosa fatta dagli sviluppi di calcio d’angolo: Mattielig pennella, Craviari inzucca, la traversa alza la sfera sopra la traversa. L’appuntamento è semplicemente rinviato al tramonto della prima frazione quando Del Fabbro recupera palla sulla tre quarti servendo al centro il liberissimo Ime Akam per il quale, dopo aver evitato anche Malusà, è un gioco da ragazzi depositare in rete.

Il Lumignacco, se da un lato chiude la prima frazione bene, dall’altra apre la seconda ancora meglio; bastano infatti 23 secondi dal fischio di riavvio a Del Fabbro per ricevere al limite dell’area, girarsi e firmare il tris. Juventina inerme, Lumignacco che preme, ma soprattutto è premiato con il poker siglato da Cucciardi a conclusione di un’azione corale Ime Akam-Del Fabbro per il traversone che lo “scugnizzo” napoletano insacca. Sembra non accontentarsi la squadra di mister Conte quando Petris impegna Malusà con il colpo di testa ravvicinato; seguito dal tentativo di Novati con il campanile per evitare lo stesso estremo ospite prima che Racca liberi dalla linea di porta. Il doppio giallo a Popovic costringe la Juventina in dieci, ma il risultato non cambia. —