Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

La bestemmia di Benassi in diretta: e ora squalificate anche lui - Il commento

L'autore dello splendido gol che ha messo in ginocchio l'Udinese si è lasciato scappare una frase blasfema dopo una mancata azione. Un'espressione che, pronunciata da Mandragora durante la gara con la Samp, gli è costata lo stop 

E adesso squalificate Benassi. Niente di personale con il centrocampista della Fiorentina, autore dello splendido gol che è costato la prima sconfitta in campionato all’Udinese. Benassi va squalificato perchè al 13’ del secondo tempo, dopo una conclusione debole bloccata da Scuffet, si è lasciato scappare una frase blasfema.

La bestemmia è una delle due che erano uscite dalla bocca di Mandragora contro la Sampdoria e che, attraverso la prova tv, hanno impedito al bianconero di essere in campo ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

E adesso squalificate Benassi. Niente di personale con il centrocampista della Fiorentina, autore dello splendido gol che è costato la prima sconfitta in campionato all’Udinese. Benassi va squalificato perchè al 13’ del secondo tempo, dopo una conclusione debole bloccata da Scuffet, si è lasciato scappare una frase blasfema.

La bestemmia è una delle due che erano uscite dalla bocca di Mandragora contro la Sampdoria e che, attraverso la prova tv, hanno impedito al bianconero di essere in campo ieri a Firenze. E non si venga a dire che le immagini non sono chiare e che il labiale non è inequivocabile. Altrimenti sarà lecito parlare di una regola senza nè capo nè coda, fatta per creare, come avevamo anticipato venerdì, figli e figliastri.

Quanto alla partita del Franchi c’è poco da dire. Velazquez ha sicuramente dato un’anima e una solidità di impianto all’Udinese, ma la squadra difetta ancora parecchio in fase di costruzione. Le assenze di Barak e Mandragora erano sicuramente pesanti, ma se schieri due ali e un trequartista dietro Lasagna non puoi non arrivare mai a calciare in porta. E Kevin esterno di centrocampo è una soluzione che ci piacerebbe non rivedere più.