Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Rossitto, ex tecnico del Pordenone: "Magnaghi può essere il centravanti con cui lottare per la B"

Serie C: l'allenatore promuove la punta, che conosce e stima. «Ha grandi qualità e in questa squadra può fare tanti gol»

PORDENONE. «Simone è un ottimo giocatore ed è atteso al salto di qualità: se mette in pratica ciò che è in grado di fare, il Pordenone è tra le cinque squadre che lottano per il vertice».

Parola di Fabio Rossitto. L’ex tecnico dei neroverdi – ora ai box – punta sull’esplosione di Magnaghi come chiave per far decollare la sua “vecchia” squadra, che ha allenato in tre riprese (una in serie D e due in Lega Pro).

«Penso che la società abbia allestito un’ottima formazione – è la sua analisi –. Ha a ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

PORDENONE. «Simone è un ottimo giocatore ed è atteso al salto di qualità: se mette in pratica ciò che è in grado di fare, il Pordenone è tra le cinque squadre che lottano per il vertice».

Parola di Fabio Rossitto. L’ex tecnico dei neroverdi – ora ai box – punta sull’esplosione di Magnaghi come chiave per far decollare la sua “vecchia” squadra, che ha allenato in tre riprese (una in serie D e due in Lega Pro).

«Penso che la società abbia allestito un’ottima formazione – è la sua analisi –. Ha affidato il gruppo a un trainer esperto come Tesser e la scelta porterà i suoi benefici. Ha lavorato in serie A, ha vinto in B e in C, ha le conoscenze per saper gestire alcuni momenti delicati che in una stagione inevitabilmente ci saranno.

Una grande scelta per una rosa di valore». Rossitto, oltre a promuovere la conferma di Bombagi («ha finalmente svolto tutta la preparazione: questo aspetto si farà sentire»), tra i nuovi acquisti benedice quelli di Gavazzi («un top per la categoria») e Semenzato: «È un fuoriclasse del suo ruolo. Al giorno d’oggi i terzini entrano nel vivo del gioco, toccano molti palloni e lui ha le capacità tecniche per fungere da regista aggiunto – spiega –. A mio parere sarà fondamentale».

In tanti, naturalmente, hanno evidenziato il mancato arrivo di un bomber di spessore per la serie C. Anche Rossitto ne è consapevole, ma punta su Magnaghi.

«Simone l’ho allenato la scorsa stagione – afferma –. Ha chiuso in crescendo, dimostrando di avere doti importanti per la categoria. Inoltre la società gli ha dato un segnale, non ingaggiando nessun’altra prima punta: vuol dire che punta su di lui.

Chi gli giocherà a fianco, come Germinale, può sgravarlo del lavoro sporco e lui può concentrarsi sulla finalizzazione. Può fare bene – continua –: credo possa essere il suo anno e con lui al massimo il Pordenone può lottare per il vertice». Peccato solo per l’infortunio che lo sta tenendo per ora lontano per ancora due settimane.

Rossitto, che non ha ancora visto il nuovo Pordenone all’opera, aspetta anche lui impaziente la partenza del campionato, visto che è uno dei tanti tecnici in categoria “a spasso”. «Vediamo cosa succede – chiude – io sono pronto a ricominciare e ad abbracciare un progetto stimolante».