Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Griglia di partenza: cinque squadre sono davanti a tutte

Brian, Pro Gorizia, Lumignacco, Torviscosa e San Luigi top Lignano e Gemonese puntano a recitare il ruolo di sorprese

UDINE

Si dice che le difficoltà economiche e le strette dell’Agenzia delle entrate abbiano allontanato negli ultimi anni gli sponsor che da sempre sono stati la linfa vitale del calcio dilettantistico, ma l’interesse degli appassionati per i campionati regionali rimane inalterato.

Il fiore all’occhiello del movimento nostrano è costituito dal campionato di Eccellenza, pronto a partire domenica prossima insieme a quelli dalla Promozione alla Seconda categoria.



Sono cinque, in base alle risultan ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

UDINE

Si dice che le difficoltà economiche e le strette dell’Agenzia delle entrate abbiano allontanato negli ultimi anni gli sponsor che da sempre sono stati la linfa vitale del calcio dilettantistico, ma l’interesse degli appassionati per i campionati regionali rimane inalterato.

Il fiore all’occhiello del movimento nostrano è costituito dal campionato di Eccellenza, pronto a partire domenica prossima insieme a quelli dalla Promozione alla Seconda categoria.



Sono cinque, in base alle risultanze di mercato, le pretendenti alla serie D. Obiettivo che già la scorsa primavera l’ormai ex presidente del Brian Gianfranco Chiandotto aveva indicato per questo campionato, e il suo successore Zeno Roma ne ha condiviso l’ambizione affidando al ds Fabio Berti un congruo budget per tentare l’impresa. Il campo dirà se i denari sono stati bene spesi, al pari di quelli della matricola Pro Gorizia, che ha cambiato il volto della squadra che ha dominato la Promozione riportando il club isontino in Eccellenza dopo dodici anni. Ci riproveranno anche Lumignacco e Torviscosa. I primi hanno consegnato al nuovo timoniere Mauro Conte una squadra motivatissima, mentre il Torviscosa ha dalla sua la continuità ad alti livelli. Da ultimo il San Luigi, che sulla rosa impostasi in Coppa Italia e Supercoppa ha innestato un rinforzo per reparto riuscendo anche a trattenere il gioiellino Carlevaris (2000).



Le soprese non mancano nel calcio, e con l’introduzione dei play-off per l’approdo agli spareggi interregionali anche un quinto posto potrebbe valere oro. Proveranno a sfruttare questa chances il Lignano, la Gemonese, le cui ambizioni sono legate alla concretezza del nuovo bomber sloveno Arcon, e la matricola Flaibano, che confida nel carisma del nuovo arrivato Alberto Favero.



È l’obiettivo che si sono date la Tricesimo, Manzanese, il Fontanafredda e il Ronchi, squadre arrivare con più o meno patemi alla salvezza nella passata stagione e che i quella entrante cercheranno di coglierla con maggiore tranquillità.



È quella che attende 4 squadre, anche se nessuna appare destinata a recitare il ruolo di squadra materasso come accaduto lo scorso anno all’Union Pasiano e in quello precedente all’Ism. La prima è il Cordenons, rivoluzionato dopo le difficoltà economiche della passata stagione, seguito dalla matricola Fiume Veneto/Bannia. Piedi ben piantati per terra anche per l’altra neopromossa Juventina, che ha innestato soprattutto giovani, mentre resta un’incognita il Kras dopo l’avventurosa salvezza al play-out nella passata stagione. —