Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il debutto è rinviato ma preoccupano il calendario e i lavori allo stadio

Spostata al 19 settembre la sfida con il Sankt Georgen Per i primi due impegni in casa la società potrebbe chiedere ospitalità ai cugini del Tamai

CHIONS

Partenza in differita. Per il Chions quella che si apre oggi non sarà la settimana che conduce all’atteso esordio nel campionato di serie D. I rivali dei giallobù, ovvero gli altoatesini del Sankt Georgen, hanno infatti chiesto e ottenuto di rimandare il match inaugurale a mercoledì 19 settembre (alle 16). Così, la formazione di mister Lenisa domenica resterà a guardare le corregionali Tamai e Cjarlins Muzane, rispettivamente impegnate a Rovigo e in casa con il Belluno.

Due impegni zepp ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

CHIONS

Partenza in differita. Per il Chions quella che si apre oggi non sarà la settimana che conduce all’atteso esordio nel campionato di serie D. I rivali dei giallobù, ovvero gli altoatesini del Sankt Georgen, hanno infatti chiesto e ottenuto di rimandare il match inaugurale a mercoledì 19 settembre (alle 16). Così, la formazione di mister Lenisa domenica resterà a guardare le corregionali Tamai e Cjarlins Muzane, rispettivamente impegnate a Rovigo e in casa con il Belluno.

Due impegni zeppi di insidie. Sulla carta, ne nascondeva meno la gara del Chions, visto che il Sankt Georgen è una neopromossa senza particolari velleità di classifica. Ma il rinvio costringerà Dimas e compagni ad affrontare tre partite in due settimane. Dopo la “prima”, subito la trasferta di Montebelluna, quindi il derby casalingo con il Tamai. Compreso il match d’esordio, due gare in casa da qui a fine mese. Ma dove? L’impianto di Chions è ancora alle prese con le opere di adeguamento alla nuova categoria. Se i lavori non dovessero terminare in tempo, il club del presidente Bressan chiederà ospitalità al Tamai. Almeno per un turno (per il derby, infatti, non dovrebbero esserci problemi).

Anche il capitolo trasferte non lascia del tutto tranquilli. Il sorteggio ha voluto che 3 dei 4 viaggi previsti in Trentino siano in pieno inverno. A Levico il 12 dicembre, il ritorno con il Sankt Georgen il giorno dell’Epifania e a Trento il 17 febbraio. Solo la trasferta di Bolzano (3 marzo) sembra immune dal rischio neve. Sulla carta poco agevole anche il finale di stagione, con Adriese, Clodiense e Arzichiampo nelle ultime 4 giornate. «Alle difficoltà di questo campionato – commenta il ds gialloblù, Simone Vido – penseremo cammin facendo. L’importante è cominciare con il piglio giusto, per conquistare subito punti preziosi in chiave salvezza». —

Pierantonio Stella