Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Mogol, ottant’anni e “vivere la vita”

Il 18 settembre l’anteprima assoluta della sua autobiografia. I libri di De Gregori e di Enrico Ruggeri

PORDENONE. Giulio Rapetti Mogol. Il mio mestiere è vivere la vita: riecheggia sin dal titolo un pezzo celeberrimo di Lucio Battisti l’autobiografia di Mogol in uscita per Rizzoli nel mese di settembre, in anteprima assoluta a pordenonelegge 2016 che ha trasformato l’anteprima nell’evento conclusivo, domenica 18 settembre (Teatro Verdi, alle 21). Il 2016 sigla gli 80 anni di Mogol, classe 1936: si festeggeranno il prossimo 17 agosto, a un mese dalla prima presentazione del libro che ripercorr ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

PORDENONE. Giulio Rapetti Mogol. Il mio mestiere è vivere la vita: riecheggia sin dal titolo un pezzo celeberrimo di Lucio Battisti l’autobiografia di Mogol in uscita per Rizzoli nel mese di settembre, in anteprima assoluta a pordenonelegge 2016 che ha trasformato l’anteprima nell’evento conclusivo, domenica 18 settembre (Teatro Verdi, alle 21). Il 2016 sigla gli 80 anni di Mogol, classe 1936: si festeggeranno il prossimo 17 agosto, a un mese dalla prima presentazione del libro che ripercorre l’alchimia straordinaria con Lucio Battisti, durata 15 anni (dal 1965 al 1980) e altri sodalizi artistici non meno preziosi con artisti come Adriano Celentano, Gianni Morandi, Mango, fino all’impegno per i giovani con il CET, scuola di formazione per musicisti, autori e cantanti.

Con la prefazione di Clemente Mimun e il contributo di Tony Renis, Mogol inanella ricordi straordinari e aneddoti curiosi, un entusiasmante viaggio fra la musica e le parole del Maestro della canzone italiana. Giulio Rapetti nel 1961 vinse il primo Sanremo con Al di là, interpretata da Luciano Tajoli e Betty Curtis. È autore per i più grandi protagonisti della musica italiana, nel 1975 ha dato vita a scopo benefico alla Nazionale italiana cantanti, composta - fra gli altri - da Morandi, Mengoli e Baglioni, e nel 1992 ha fondato Cet.

A pordenonelegge 2016 l’incrocio fra musica e letteratura si preannuncia davvero imperdibile, nell’ambito del percorso consolidato Parole in scena: sabato 17 settembre la presentazione di Passo d’uomo, il libro intervista di Francesco De Gregori, pubblicato in queste settimane da Laterza: l’artista si racconta per la prima volta attraverso una serie di conversazioni condotte da Antonio Gnoli. La sua vita e il suo mondo emergono in una successione di pensieri, ricordi ed emozioni. L’intima intelligenza delle sue canzoni fa da sfondo alle nostre esistenze intrecciate con la storia italiana. Gli autori ne converseranno con Massimo Cirri alle 20.30 al Teatro Verdi.

Nei giorni scorsi, per Mondadori, è uscito anche il nuovo libro di Enrico Ruggeri, Un prezzo da pagare, noir ambientato a Milano nel mondo dello spettacolo. Un nuovo caso da risolvere per Antonino Lombardo, vicequestore aggiunto, alle prese con il ritrovamento del cadavere di Patricia Calvi, nome d’arte di Patrizia Calvetti, giovane soubrette televisiva: venerdì 16 settembre, alle 21.30 nello spazio ITASincontra. E sempre nella giornata di venerdì 16 pordenonelegge festeggerà l’incontro fra la Banda Osiris e Luca Mercalli: perché Non ci sono più le mezze stagioni, ma letteratura, arte e musica possono aiutare a comprendere i cambiamenti climatici.

E riprendendo il filo rosso della musica, ecco la presentazione in anteprima nazionale del nuovo libro di Marco Anzovino edito Biblioteca dell’Immagine, La ragazze del terzo piano. Sul palcoscenico l’autore, voce e chitarra, sarà affiancato da Valentina Baradello arpa, Erica Fassetta violino ed Elena Borgo violoncello. E ancora il fumettista Davide Toffolo, frontman della band cult Tre Allegri Ragazzi Morti, presenterà la sua biografia omaggio a Magnus, mentre già nella serata di mercoledì 14 settembre il pubblico scoprirà un inatteso Mauro Corona in coppia con Omar Pedrini: un cuore rock dove ha spazio la passione per la parola: racconteranno la montagna e, soprattutto, la vita, intrecciando parole e musica sul palcoscenico del Teatro Verdi. Sempre a ritmo di musica Daniele Biacchessi presenta il suo libro Storie di rock italiano. Dal boom dei consumi crisi economica internazionale.