Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Letteratura, cinema e teatro:  le cento sfumature del giallo

A Sabbiadoro da fine maggio a settembre appuntamenti con 13 scrittori e saggisti. Spazio anche alla musica con la Mitteleuropa Orchestra. Madrina dell'evento la scrittrice friulana Ilaria Tuti

Tredici appuntamenti con scrittori e saggisti italiani, ma anche una rassegna cinematografica a cura di Cinemazero, uno spettacolo teatrale, un concerto (Omaggio a Sinatra in noir, con la Mitteleuropa Orchestra), la proiezione di filmati dalle Teche Rai. E ancora: una mostra sul cinema noir, tavole rotonde, incontri di studio, un laboratorio di scrittura del giallo, un videoracconto a fumetti e il premio Scerbanenco@Lignano.

È la prima edizione del Lignano Noir Festival, presentato ieri matti ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Tredici appuntamenti con scrittori e saggisti italiani, ma anche una rassegna cinematografica a cura di Cinemazero, uno spettacolo teatrale, un concerto (Omaggio a Sinatra in noir, con la Mitteleuropa Orchestra), la proiezione di filmati dalle Teche Rai. E ancora: una mostra sul cinema noir, tavole rotonde, incontri di studio, un laboratorio di scrittura del giallo, un videoracconto a fumetti e il premio Scerbanenco@Lignano.

È la prima edizione del Lignano Noir Festival, presentato ieri mattina alla Libreria Einaudi a Udine, che animerà la località turistica friulana da fine maggio agli inizi di settembre. Un festival con una formula innovativa: non è concentrato in tre-quattro giornate, ma si svilupperà durante tutta l’estate e in vari spazi, dalla Terrazza a mare alla Biblioteca, dai locali pubblici alla spiaggia, dai parchi all’Arena.

Letteratura, cinema e teatro: ecco il LIgnano Noir Festival

A illustrare il nuovo festival sono stati Cecilia Scerbanenco, figlia dello scrittore Giorgio (che visse a Lignano), il professor Elvio Guagnini, la docente dell’università di Trieste Sergia Adamo, il soprintendente della Mitteleuropa Orchestra Massimo Gabellone, Giulia Zamboni di Cinemazero e l’assessore alla cultura di Lignano Ada Iuri (che ha promosso l’iniziativa, ampliando l’Omaggio a Scerbanenco che si svolge da molti anni nella località turistica). «Lignano – ha detto Ada Iuri – è una città effimera, inventata per le vacanze. Ma abbiamo voluto portare un po’di cultura tra corpi abbronzati e spritz aperol»

. «Tanti autori, forme d’arte diverse per raccontare il noir» ha sottolineato Cecilia Scerbanenco. «Un festival diffuso – ha evidenziato Elvio Guagnini – La forza di un festival è quella di avviare gli utenti a leggere libri di questo genere. E il giallo non è fatto solo di collane editoriali e di intrattenimento, è letteratura che ci fa conoscere il mondo».

Ilaria Tuti madrina. A fare da madrina alla manifestazione è stata la scrittrice friulana Ilaria Tuti, uno degli esordi letterari italiani più importanti degli ultimi anni: a gennaio è stato infatti pubblicato il suo primo romanzo, Fiori sopra l’Inferno (Longanesi). Un caso editoriale: il romanzo è stato per mesi ai vertici delle classifiche in tutta Italia. Ilaria Tuti ha annunciato che sta lavorando al secondo romanzo, con la stessa protagonista (Teresa Battaglia): anche questa volta il libro sarà ambientato in Friuli, «un luogo che si presta bene al noir».

Tredici scrittori si raccontano. Giallisti, ma anche esperti del giallo: a Lignano arriveranno, tra luglio e agosto, Giancarlo De Cataldo, Valerio Varesi, Patrick Fogli, Roberto Riccardi, Rosa Teruzzi, Ugo Barbàra, Hans Tuzzi, Pierluigi Porazzi con Massimo Campazzo e naturalmente Italia Tuti. Di interessse anche gli incontri con il capo della Procura di Trieste Carlo Mastelloni e con Paolo Squillacioti (curatore delle pubblicazioni su Leonardo Sciascia per Adelphi). Cecilia Scerbanenco presenterà la biografia del padre Giorgio.

Spazio anche al cinema. Grazie alla collaborazione con Cinemazero di Pordenone, dal 25 maggio al 3 giugno il festival ospiterà il Lignano noir cinema. Cinque le pellicole che saranno presentate al Cinecity, tra queste Delitto perfetto di Alfred Hitchcock, che sarà proiettato nella versione originale resa in 3D. Cinema anche in spiaggia, il 31 agosto, con La giusta distanza, di Carlo Mazzacurati.

Tra Sinatra e noir. Nel programma del festival anche un importante evento musicale, presentato ieri da Marcello Folegotto, il concerto della Mitteleuropa Orchestra all’Arena Alpe Adria, venerdì 20 luglio: Omaggio a Sinatra in noir, dedicato a un grande personaggio che ha interpretato numerosi film gialli.

Giorgio Scerbanenco a Lignano

Spazio anche al teatro. Martedì 24 luglio alle 21.30, al Parco Hemingway, la compagnia Linguaggi creativi di Milano metterà in scena I ragazzi del massacro, tratto da un romanzo di Scerbanenco, mentre domenica 2 settembre, a cura di Mario Mirasola, e in collaborazione con Rai Fvg, alla Terrazza a mare sarà di scena Teatro a leggio... in noir.

Premio per il racconto. A chiudere tutti gli eventi del festival, sabato primo settembre in Terrazza a mare, si terrà infine la cerimonia di consegna della quarta edizione del concorso letterario per un racconto giallo Scerbanenco@Lignano, organizzato in collaborazione con Mondadori. Come partecipare? Tutte le info sul sito del comune di Lignano, dove è possibile scaricare il bando.

QUI IL BANDO

Gli eventi NoiMv. Nell’ambito del Festival Lignano Noir, il Messaggero Veneto organizza due eventi per la comunità dei lettori di “NoiMv”. Sabato 9 giugno appuntamento con la Passeggiata nei luoghi di Scerbanenco: accompagnati dalla figlia Cecilia, si andrà alla scoperta dei luoghi del maestro italiano del noir, che alla fine degli anni Sessanta viveva proprio a Lignano.

Tra giugno e luglio, invece, spazio al Laboratorio di scrittura del giallo, che si terrà (con modalità ancora da definire) nei locali della Biblioteca di Lignano: con esperti di scrittura e del genere noir si potranno apprendere tecniche e segreti per elaborare una storia.
Infine, il Messaggero Veneto curerà la realizzazione di un videoracconto, illustrato da Giovanni Barberis, ispirato al racconto In pineta si uccide meglio, di Giorgio Scerbanenco. Il quotidiano friulano pubblicherà, infine, i racconti finalisti del Premio@Scerbanenco.