Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Ritorno al 1615 per i lettori di NoiMv: a Palmanova la pioggia non ferma le armate 

I nostri lettori in visita agli accampamenti allestiti per la rievocazione storica di Palmanova (Foto Petrussi)

Campo di battaglia popolato da mille figuranti e grande presenza di pubblico. Gli iscritti alla community in visita all’accampamento accompagnati dallo storico Prelli

Non li ha certo fermati il maltempo e la pioggia di venerdì. I soldati dell’accampamento non si sono mossi dalle loro tende e postazioni, nonostante una notte animata da rovesci, tuoni e fulmini.

Ma al risveglio, ieri mattina, erano già pronti a riaccendere i fuochi. A far asciugare quanto bagnato, a esercitarsi in vista dei combattimenti.

Tra soldati del '600 e accampamenti: i lettori NoiMv alla scoperta della rievocazione di Palmanova


La rievocazione storica “A.D. 1615 Palma alle Armi” è anche questo. In barba a ogni previsione meteo, ieri Palmanova si è animata di figuranti e di s ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Non li ha certo fermati il maltempo e la pioggia di venerdì. I soldati dell’accampamento non si sono mossi dalle loro tende e postazioni, nonostante una notte animata da rovesci, tuoni e fulmini.

Ma al risveglio, ieri mattina, erano già pronti a riaccendere i fuochi. A far asciugare quanto bagnato, a esercitarsi in vista dei combattimenti.

Tra soldati del '600 e accampamenti: i lettori NoiMv alla scoperta della rievocazione di Palmanova


La rievocazione storica “A.D. 1615 Palma alle Armi” è anche questo. In barba a ogni previsione meteo, ieri Palmanova si è animata di figuranti e di spettatori per un evento che ha portato in città circa mille figuranti, appartenenti a 42 gruppi giunti da diverse regioni italiane dal Piemonte alla Puglia e da 12 Paesi europei, dalla Repubblica Ceca alla Scozia, dalla Finlandia a Malta.

L’evento ha preso avvio in mattinata alla presenza dell’assessore regionale alle attività produttive e turismo Sergio Emidio Bini, del sindaco Francesco Martines, delle autorità civili e militari.

Nel pomeriggio era presente anche l’eurodeputata Isabella De Monte. «Questo – ha dichiarato l’assessore regionale – è un evento importantissimo che rappresenta il Friuli Venezia Giulia che mi piace: storia, cultura, enogastronomia, tradizioni, tutto insieme in un’offerta unica, che fa da vetrina all’intera regione. È un evento in grado di suscitare emozioni, un evento che va valorizzato e promosso in tutt’Italia. Il turismo deve diventare la prima attività produttiva della nostra Regione perché il nostro territorio ha potenzialità enormi».

Palmanova racconta la sua storia: i giorni della rievocazione



A incuriosire il pubblico (quest’anno alcuni importanti ingredienti della manifestazione sono a pagamento, con un biglietto valido per l’intero week-end) oltre all’accampamento, gli allestimenti presenti sia in via Valaresso, sia nelle strade cittadine e in piazza. Bancarelle con prodotti artigianali a tema, oggetti in ferro, in legno, in terracotta o in cuoio, abiti storici…

Anche nel pomeriggio, gli spettatori sono affluiti numerosi in città. Tra loro anche i lettori della Community del Messaggero Veneto che hanno potuto aggirarsi tra le tende dell’accampamento e assistere alla battaglia del Vespro in campo aperto, con gli arciducali all’assalto delle truppe dei Veneziani. Un’occasione per gustarsi la storia della città con la guida dello storico Alberto Prelli e dell’assessore Adriana Danielis. Sono giunti da Udine, San Giorgio, Moruzzo... per un’immersione nel passato. Mara da Trivignano e Sonia da Fagagna sono appassionate di queste occasioni di conoscenza del territorio. «È bellissimo ascoltare la guida e vedere le sue parole trovare immediato riscontro in quest’ambiente perfettamente ricostruito» commenta Paolo di Udine. Gli fanno eco due giovani che si dicono stupiti dagli allestimenti: «Qui ogni dettaglio è da osservare».

Le ambientazioni suggestive sono uno dei punti di forza dell’evento. E poi i giochi tradizionali, i piatti tipici, con una ricerca sempre più attenta delle antiche ricette, le sfide tra i borghi, gli allestimenti dei locali cittadini.