Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Mansutti va in soccorso: visite concerto al Gortani

TOLMEZZO«Le tre visite guidate con concerto, in programma oggi sono state ideate (in tempi non sospetti) proprio nell’intento di valorizzare il museo Gortani di Tolmezzo. Un luogo di grande pregio...

TOLMEZZO

«Le tre visite guidate con concerto, in programma oggi sono state ideate (in tempi non sospetti) proprio nell’intento di valorizzare il museo Gortani di Tolmezzo. Un luogo di grande pregio sicuramente ancor poco visitato ed utilizzato». Lo sottolinea il direttore artistico del tetro Bon di Colugna, Claudio Mansutti. «Oggi sarà quindi una ottima occasione per tutti gli appassionati e i cittadini non solo carnici, di visitare questo luogo fortemente legato alla nostra terra e alla nost ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

TOLMEZZO

«Le tre visite guidate con concerto, in programma oggi sono state ideate (in tempi non sospetti) proprio nell’intento di valorizzare il museo Gortani di Tolmezzo. Un luogo di grande pregio sicuramente ancor poco visitato ed utilizzato». Lo sottolinea il direttore artistico del tetro Bon di Colugna, Claudio Mansutti. «Oggi sarà quindi una ottima occasione per tutti gli appassionati e i cittadini non solo carnici, di visitare questo luogo fortemente legato alla nostra terra e alla nostra storia, approfittando di una visita guidata di circa quaranta minuti tenuta dalla dottoressa Amanda Talotti cui seguirà ogni volta un breve concerto delclavicembalista Alberto Busettini su uno strumento di proprietà del museo stesso».

Un’ idea della Fondazione Bon (che ha aperto anche una sede a Tolmezzo) che si dichiara fin da ora disponibile «a collaborare per la crescita del museo vista la decennale esperienza maturata con Carniarmonie, un festival che dimostra come si può lavorare in sinergia e costruttivamente anche nella nostra zona montana. Tre turni di visita quindi alle 14.30 -16.30 e 18.30 per dimostrare praticamente il desiderio di tutta la popolazione di far vivere questo Museo».