Quotidiani locali

Filtri

L'inconscio, L'originario

Facci sapere se andrai
Incontri con Antonella Silvestrini. In un’epoca in cui predominano le neuroscienze e l’organicismo e in cui tutto sembra potere essere conoscibile, accessibile e visibile, la portata culturale dell’invenzione freudiana dell’inconscio assume un rilievo straordinario. Infatti, la nozione di una logica inconscia, inaccessibile, che possa influenzare le nostre vite rappresenta un argine contro l’arroganza del soggetto e la padronanza dell’Io ed è un ostacolo all’idea che ogni cosa possa essere visibile e calcolabile. In virtù dell’inconscio l’Io non è più padrone a casa propria, ci dice Freud, e viene sospesa l’illusione che la vita possa procedere in modo piano e lineare o rispondere a un’idealità immaginaria. L'intelligenza esige l'umiltà di chi procede dal dubbio, dall’inibizione, e non ha risposte facili e a portata di mano per tutto. La psicanalisi non è l’ortopedia dell’Io, nessun raddrizzamento né allineamento possibili. Lungi dall’essere identificato come luogo del profondo e della negatività inconfessabile, l’inconscio è garante della fantasia e della particolarità, della legge e del desiderio, indispensabili affinché ciascuno possa qualificare il proprio itinerario. Anche a partire da ciò che sembra un intralcio, come la difficoltà o il disagio, la cui portata invece è artistica e culturale e non patologica. Gli incontri, tenuti da Antonella Silvestrini, in Biblioteca Civica, per tre giovedì successivi, l’11, il 18 e il 25 maggio 2017, alle 20,45 si articoleranno in tre conferenze sui temi: “Il masochismo”, “Il sadismo” e “Il trauma”. Gli appuntamenti rientrano nel progetto di ricerca portato avanti dall’associazione “la cifra” intorno al tema della “Società nuova”. L’iniziativa ha il patrocinio del Comune di Pordenone e il sostegno di diverse aziende locali: Palazzetti, Autopiù, PMI, Tici, Libra, Tipolitografia Martin e Regìa comunicazione per l’impresa. Per informazioni e prenotazioni è possibile telefonare allo 0434-208157. L’ingresso è libero.
Informazione da: Comune Pordenone

Commenti degli utenti

Giorni e orari

Come arrivare

Piazzale XX Settembre, 20 - Pordenone