Menu

EMERGENZA AUTOSTRADA

A4, di nuovo caos per un incidente

Un tamponamento a Muzzana causa oltre dieci chilometri di coda

UDINE. Basta un semplice incidente per creare disagi insopportabili sulla A4, per la quale più che mai si conferma necessaria e urgente la realizzazione di una terza corsia, come sottolineato recentemente dal presidente di Autovie venete, l’ex ministro dei Trasporti Giorgio Santuz, e come richiesto al governo dai presidenti del Friuli Venezia Giulia Riccardo Illy e del Veneto Giancarlo Galan. La controprova si è avuta ieri, quando un banale tamponamento tra quattro vetture ha provocato oltre dieci chilometri di coda in provincia di Udine sulla strada delle vacanze. E non era un fine settimana e non siamo ancora in piena stagione. L’incidente è avvenuto poco prima delle 9 nella carreggiata Ovest con direzione Venezia, al chilometro 81, in comune di Muzzana del Turgnano, dove si sono scontrate una Golf, due Audi e una Mercedes Vito, tutti mezzi con targhe tedesche e austriache, tranne la Vito, guidata da un albanese residente a Bergamo. Sulla Golf viaggiava una famiglia austriaca, sulle Audi, una famiglia proveniente dalla Germania e un’altra dall’Austria. Gli occupanti delle auto, una decina di persone, si stavano recando in vacanza a Lignano e Caorle. Il guidatore della Mercedes stava invece tornando a casa. Per fortuna dei dieci soltanto una signora è ricorsa alle cure mediche, effettuate sul posto, per un’escoriazione alla mano. Sul posto la polizia stradale di Palmanova e il soccorso stradale Autodri di Porpetto, che ha lavorato non poco per rimuovere i mezzi coinvolti nello spettacolare sinistro. Le code sono state smaltite solo in tarda mattinata, con grande disappunto degli utenti che all’entrata in autostrada - ha riferito l’avvocato udinese Massimiliano Basevi - si sono visti consigliare l’uscita a Palmanova ma non sono stati avvertiti che la coda cominciava già due chilometri dopo il casello di Udine sud e che per arrivare al bivio di Palmanova ci hanno messo un’ora. Tempo che alcuni automobilisti austriaci hanno trascorso giocando a pallone. La carambola, si è saputo nel corso del pomeriggio, potrebbe essere stata provocata da una delle due Audi. Al di là delle responsabilità dell’incidente un dato è certo: tre famiglie ancora prima di cominciare hanno buttato al vento la loro vacanza. Al problema della terza corsia si aggiunge quello della viabilità intronoal nodo di Mestre: fa pensare quello che è accaduto sempre ieri tra le province di Treviso e Venezia. Alla sala operativa della Questura di Venezia è giunta poco prima delle 9.30 la chiamata di una signora di Treviso, che si trovava in autostrada, tra la A 27, proveniente da Mogliano Veneto, e la tangenziale di Mestre. Il traffico era bloccato, ma doveva assolutamente arrivare all’ospedale di Padova entro un’ora con la propria bambina di 5 anni, in attesa in mattinata per una trasfusione di plasma. Una volante, prontamente inviata dalla Questura veneziana, ha raggiunto l’auto della mamma, ancora ferma in mezzo al traffico e, utilizzando i segnali acustici e sonori, l’ha scortata attraverso lo svincolo autostradale e lungo tutta la tangenziale di Mestre, a quell’ora intasati da auto e mezzi pesanti in transito. Oltrepassato il casello autostradale di Villabona, gli agenti si sono trovati di fronte un’altra coda, questa volta di 4 chilometri, ovvero fino allo svincolo per la località di Dolo-Mirano. Anche in questo caso, l’auto della signora (una 38enne con la bimba seduta al fianco) è stata fatta passare utilizzando le segnalazioni e usufruendo della corsia d’emergenza: all’altezza
dello svincolo autostradale infine, i colleghi della Questura di Padova hanno raggiunto la volante veneziana e l’auto della donna, consentendo alla madre della bambina di giungere in tempo all’ospedale di Padova dove a aspettarli vi era lo staff medico predisposto per la prevista trasfusione.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro