Menu

Viaggiava su una jeep priva di cinture di sicurezza

Luna di miele tragica:
un friulano muore in Egitto

È friulana una delle tre vittime del grave incidente di venerdì sera a Dahab, in Egitto. Si tratta di Mario Masini, 47 anni, di Marano Lagunare. Era assieme alla moglie, Manuela Milocco, 32,

rimasta ferita in maniera non grave. Sposatisi lo scorso dicembre, i due da tempo sognavano questa vacanza sul mar Rosso, la loro luna di miele. Finita nel peggiore dei modi. Masini, con la moglie e altri connazionali, stava rientrando in albergo a bordo di una jeep priva di cinture di sicurezza.
di Paola Lenarduzzi

UDINE.
È friulana una delle tre vittime del grave incidente di venerdì sera a Dahab, in Egitto. Si tratta di Mario Masini, 47 anni, di Marano Lagunare. Era assieme alla moglie, Manuela Milocco, 32, rimasta ferita in maniera non grave. Sposatisi lo scorso dicembre, i due da tempo sognavano questa vacanza sul mar Rosso, la loro luna di miele. Finita nel peggiore dei modi.Masini, con la moglie e altri connazionali, stava rientrando in albergo a bordo di una jeep al termine di una spedizione in comitiva per un’immersione nelle splendide acque della penisola del Sinai, non lontano dal confine con Israele.

A un certo punto, una delle tre Toyota su cui viaggiavano 18 turisti italiani con alcuni accompagnatori locali, è finita fuori strada ed è andata a schiantarsi contro un muretto di cemento armato. Masini è morto sul colpo e come lui due turiste di Vicenza, due cognate poco più che cinquantenni. Feriti anche altri tre turisti, tra cui la moglie di Masini, Manuela, che, ricoverata nell’ospedale di Dahab, è stata poi trasportata nel più attrezzato nosocomio di Sharm el Sheik. La donna ha riportato una frattura al bacino, le sue condizioni fisiche non destano preoccupazione, ma non le è stato ancora detto che il marito è morto.

L’alta velocità è quasi certamente la causa scatenante della tragedia, avvenuta su una strada diritta e a due corsie. Lo hanno testimomiato gli italiani che si trovavano sugli altri due mezzi e lo ha confermato il portavoce della nostra ambasciata al Cairo. L’autista o ha avuto un malore o è stato colto da una crisi dovuta al fatto che stava osservando rigidamente il digiuno del Ramadan. Altri testimoni parlano di mancanza di cinture di sicurezza sulla vettura e di soccorsi giunti con un certo ritardo, circostanza, quest’ultima, smentita ieri dall’ambasciata. Manuela potrebbe essersi salvata perchè si trovava sui sedili posteriori. Nei primi soccorsi, fondamentale è stato il prodigarsi di una dottoressa italiana che lavora all’ospedale di Lodi, Antonella Maestri, «l’angelo della situazione» come l’hanno definita i compagni di viaggio.

Mario Masini, originario di Palmanova, era arredatore di navi da crociera e alberghi e il suo lavoro lo portava a viaggiare in diversi Paesi. Dopo aver abitato ad Aquileia, si era trasferito a Marano dove ha convissuto per diverso tempo con Manuela: lo scorso 7 dicembre il matrimonio. Oltre alla consorte, lascia il padre, un fratello che fa il carabiniere a Varese e due sorelle, una delle quali vive nel palmarino, l’altra a Frosinone.

Manuela aveva fatto la commessa in un centro commerciale e aveva appena concluso un contratto a tempo
determinato. Quella del Mar Rosso era la vacanza che i due desideravano da tempo. Studiata nei minimi dettagli, attesa e sognata. Era un regalo di nozze. E nel programma del tour operator I viaggi del Turchese la giornata di immersione figurava tra le più accattivanti, «suggestiva e avventurosa».

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro