Menu

Chiara Cainero taglierà il nastro in piazza Libertà

Comincia Friuli Doc
una festa di profumi e sapori

Tutto è pronto per dare il via alla quattordicesima edizione di Friuli Doc: giovedì pomeriggio, alle 17.30, in piazza Libertà, nelle undici piazze e nelle nove vie del centro storico si accende la festa. A tagliare il nastro sarà la campionessa olimpica, Chiara Cainero, sotto una pioggia di mille palloncini banchi, rossi e verdi. La cerimonia

sarà allietata dalla banda di majorette di Madrisio. In questo contorno Furio Honsell, aprirà ufficialmente il suo primo Friuli Doc.
Gli eventi in città
di Giacomina Pellizzari

UDINE.
Tutto è pronto per dare il via alla quattordicesima edizione di Friuli Doc: giovedì pomeriggio, alle 17.30, in piazza Libertà, nelle undici piazze e nelle nove vie del centro storico si accende la festa. A tagliare il nastro sarà la campionessa olimpica, Chiara Cainero, sotto una pioggia di mille palloncini banchi, rossi e verdi. La cerimonia sarà allietata dalla banda di majorette di Madrisio. In questo contorno Furio Honsell, aprirà ufficialmente il suo primo Friuli Doc.

Lo farà assieme all’assessore regionale alla Cultura, Roberto Molinaro, che parteciperà alla cerimonia assieme ai sindaci del Friuli collinare. Tutti sottolineeranno l’importanza della festa che, come ha già evidenziato l’ex rettore, vuole essere «una vetrina significativa del territorio friulano». Non è escluso, però, che tra sabato e domenica Friuli Doc possa accogliere anche il ministro dell’Agricoltura, Luca Zaia, intenzionato, affermano gli organizzatori, a visitare gli oltre 200 stand enogastronomici.

Dopo i discorsi di rito, la regina dello skeet, la madrina della manifestazione che devolverà il compenso in beneficenza, con le autorità farà il giro degli stand e aprirà i festeggiamenti nelle piazze. Sarà un’occasione per apprezzare i prodotti tipici delle Dolci terre antiche del Friuli collinare, tema prescelto per l’edizione 2008 di Friuli Doc. Al centro della festa ci saranno, infatti, le proposte gastronomiche di Buja, Cassacco, Colloredo di Montalbano, Coseano, Dignano, Flaibano, Forgaria, Majano, Moruzzo, Osoppo, Ragogna, Rive D’Arcano, San Daniele, San Vito di Fagagna e Treppo Grande , ospitati nel piazzale del castello.

L’obiettivo è raggiungere il record di presenze registrate nella passata edizione quando Friuli Doc registrò oltre un milione 300 mila visitatori. Molto dipenderà dalle condizioni atmosferiche che, al momento, si preannunciano piuttosto buone.

Questa sarà l’ultima
edizione che si svolgerà con la formula tradizionale. Per il prossimo anno, infatti, il vicesindaco, Vincenzo Martines, ha già annunciato il restyling. I primi contatti in questo senso con la Regione prenderanno il via a ottobre, appena calato il sipario sulla kermesse più attesa della città.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro