Menu

Vai alla pagina su Lavoro

Codroipo: la crisi fa impennare
le richieste ai servizi sociali

CODROIPO. In questi primi mesi dell’anno nel capoluogo del Medio Friuli sono aumentate notevolmente le richieste di assistenza sociale dovute soprattutto alla perdita del lavoro. Ci sono fasce di popolazione di media età con figli a carico e anche molti giovani che si trovano in situazione di bisogno.

Si sono appena concluse nella giornata di ieri le riunioni che hanno coinvolto tutti i tavoli che si erano attivati nei piani di zona. Ad aggravare la situazione di disagio dovuta alla crisi, in questi incontri, è stato rilevato che nell’area responsabilità, famiglie e minori una forte criticità è dovuta a un incremento esponenziale dei casi di multiproblematicità nei minori.

Questo è un settore che l’amministrazione comunale deve affrontare a 360° attraverso un collegamento tra scuola, ambito socio-assistenziale e distretto sanitario. Ultimamente la domanda di assistenza sociale si è modificata sia in termini di qualità che di quantità. Soprattutto sono cambiati i bisogni diventati più specifici e complessi e diversificati gli interventi. Si pensi al lavoro precario, al disagio minorile, ai problemi legati all’immigrazione, alla modifica dei nuclei familiari, all’integrazione ed influenza reciproca tra problemi sanitari e quelli di carattere sociale.

E un allarmante segnale della crescita delle nuove povertà nel Codroipese ci viene fornito dal bilancio annuale del centro di ascolto della Caritas foraniale.

Gli interventi di aiuto nei quattro Comuni della forania di Codroipo e dell’hinterland sono passati dai 906 del 2007 ai 1088 dell’anno appena trascorso, con una crescita del 20%. Ma quello che colpisce di più è che per la prima volta sono “i friulani” di nascita a superare numericamente gli stranieri in cerca di aiuto come avveniva in precedenza. Sono sempre maggiori le difficoltà delle famiglie monoreddito con figli minori, le richieste di aiuto dei pensionati al minimo ed ora fanno la loro comparsa anche persone di media età che hanno perso il lavoro.

Per rimanere sempre nella statistica i 1088 nuclei familiari che nel 2008 hanno richiesto aiuti alla Caritas di Codroipo provengono 671 dal capoluogo, 89 da Camino al Tagliamento, 43 da Bertiolo, 46 da Sedegliano, 39 da Varmo e 24 da Rivignano. A questi vanno, infine aggiunti, ben 67 di richiedenti in transito. La crisi insomma si sta facendo sentire anche nel Codroipese. A Caritas e amministrazioni comunali il complicato compito di dare aiuto a quanti più nuclei familiari possibile.

Renzo Calligaris

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro