Menu

Troppa neve sui tralicci,
un’ora di blackout in Carnia

Piste affollate, ieri, in tutti i poli della Carnia,

grazie alla recente nevicata che ha provocato, però, qualche disagio, in particolare nella zona tra Forni di Sopra e Forni di Sotto dove in mattinata c’è stato un black out elettrico. Qualche problema, inoltre, anche per la circolazione: uomini e mezzi di Fvg Strade all’opera con mezzi spargisale.
TOLMEZZO. Piste affollate, ieri, in tutti i poli della Carnia, grazie alla recente nevicata che ha provocato, però, qualche disagio, in particolare nella zona tra Forni di Sopra e Forni di Sotto dove ieri mattina c’è stato un black out elettrico. Qualche problema, inoltre, anche per la circolazione: uomini e mezzi di Fvg Strade all’opera con mezzi spargisale.

La neve caduta nelle giornate di venerdì e di sabato si era fermata, grazie alle basse temperature, sugli alberi. Ieri l’umidità su tutto il versante carnico, da Tolmezzo nel fondovalle sino a Forni di Sopra, nella Carnia alpina, era del 99%. Ciò ha appesantito la neve su alcuni rami e ha determinato la caduta degli arbuasti sulle linee aeree elettriche, interrompendone il servizio. Un problema che si ripresenta puntualmente ogni inverno, causa l’abbandono della campagna da parte dei montanari e la crescita incontrollata di alberi a ridosso delle infrastrutture viarie e della comunicazione.

Fortunatamente tutto si è risolto in un’ora, dalle 11.30 alle 12.30 circa, con l’intervento dei tecnici dell’Enel che hanno ripristinato la linea. Il black out elettrico ha comportato inoltre la sospensione dei servizi della telefonia mobile.

Nonostante la visibilità abbastanza scarsa, gli impianti gestiti da Promotur hanno funzionato ovunque, sia sullo Zoncolan che a Forni di Sopra. Non è mancato, sebbene a tratti, il sole in una giornata segnata da temperature sopra lo zero nei fondovalle e con pochi gradi, -2 sullo Zoncolan a 1.700, sotto lo zero in quota.

La neve naturale ha permesso anche di praticare lo sci da fondo, anche se non tutte le piste hanno potuto essere tracciate in tempo per gli sciatori domenicali. Da registrare l’avvio delle settimane bianche, senza che si debba scontare quello che era oramai tradizionale, cioè l’assenza di queste iniziative nel periodo successivo all’Epifania. Già dal 7 gennaio scuole e gruppi provenienti dall’est Europa, Slovenia, Ungheria in particolare, affollano le località di Forni di Sopra e della Carnia centrale.

Da rilevare il sempre maggior successo di pubblico
che riscontrano le uscite con guida, con le ciaspole, le racchette da neve, in tutte le vallate della Carnia. Rimane il divieto di effettuare la pratica dello sci alpinistico e fuoripista per l’elevato grado, il 4° su una scala di 5, di rischio valanghe.

Gino Grillo

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro