Menu

Blitz anti-gay a Udine, insulti a sindaco e assessore

Cresce in città il clima di intolleranza. Scritte firmate con svastiche e celtiche nel parco del Cormôr e sui muri della basilica delle Grazie. Il Comune ha deciso di sporgere denuncia, indagini della Digos

UDINE. Escalation dell’omofobia, tensione in città. Dopo l’aggressione verbale di sabato in centro ai danni dell’assessore comunale Enrico Pizza, ieri sono state scoperte scritte anti gay (nel mirino sempre Pizza) e contro il sindaco Honsell al parco del Cormôr e sui muri della basilica delle Grazie. Svastiche e apologia del fascismo la “firma” degli autori.

Se il Comune ha immediatamente deciso di sporgere denuncia contro ignoti e ha provveduto a far coprire le frasi offensive scritte in stampatello con lo spray nero, gli episodi, ormai reiterati, hanno scosso il mondo degli omosessuali. Anche lo stesso Pizza, gay dichiarato finito al centro delle “attenzioni” degli estremisti di destra, si dice «preoccupato». E non mancano le reazioni della politica. Alla solidarietà del centro-sinistra, già manifestata domenica, ieri si è aggiunta quella dell’Udc e del Pdl. Tace la Lega, mentre la Rosa Bianca di Marco Belviso va controcorrente e attacca l’assessore invitandolo ad astenersi «dal solito comizio elettorale».

Le scritte al parco. Sono state realizzate tra le 20.30 e le 22.30 di domenica, quando era già calata la sera e tra i vialetti non c’era già più nessuno. Il cognome del sindaco storpiato, insulti ripetuti a Pizza e ai gay. Svastiche naziste e simboli ad “accompagnare” gli epiteti. Imbrattate le pareti esterni del chiosco e di alcuni gazebo, nell’area ristoro e intrattenimento. E’ stato Fabio Ciprian, presidente della Cooperativa “Orizzonte” che gestisce il parco, ad avvertire le forze dell’ordine. Ieri le scritte sono state coperte dai vigili urbani con degli striscioni pubblicitari, in attesa di essere cancellate.

Deturpata la basilica di piazza Primo maggio. Il secondo, grave, episodio in poche ore è stato reso noto nel pomeriggio. Una scritta offensiva, ripetuta più volte, contro l’assessore Pizza è stata tracciata sul muro della basilica delle Grazie di Udine, una delle chiese più importanti della città. Le frasi, dello stesso tenore di quelle del parco del Cormôr, sono state scoperte dal priore della basilica, padre Cristiano, che ha informato personalmente l’amministrazione comunale. Come per le ingiurie trovate al parco la polizia municipale ha fatto rilievi, anche fotografici, e ha segnalato l’episodio alla Digos della Questura. Le indagini. Non ci sono, per il momento, novità sull’episodio dell’aggressione verbale subita dall’assessore Pizza sabato sera da un uomo sui 30 anni. Gli agenti della Digos che possono contare sulla collaborazione della polizia municipale, da ieri, hanno sul tavolo anche i fascicoli relativi alle scritte, per le quali le indagini sono appena partite. C’è da capire se le scritte omofobe al Cormôr e alle Grazie siano da ricondurre alla stessa mano o allo stesso gruppo di estrema destra.

L’allarme. Pizza e le associazioni degli omosessuali denunciano che «l’omofobia ha raggiunto un livello preoccupante che non può essere trascurato». Il sindaco Honsell “collega” i vari episodi di intolleranza: «È molto
probabile - commenta - che queste scritte si colleghino all’aggressione omofoba subita da Pizza sabato sera e stavolta non vogliamo soprassedere. Episodi di intolleranza come questi devono essere condannati con fermezza e all’origine per evitare pericolose derive».
©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro