Menu

Un nuovo raid sacrilego contro un’altra chiesa

Vandali a Barazzetto di Coseano, una settimana fa toccò a Vissandone

COSEANO. Ancora un atto vandalico ai danni delle chiese. Come accaduto a Vissandone di Basiliano alla vigilia di Pasqua, sono stati imbrattati anche i muri della chiesa di Barazzetto, frazione del Comune di Coseano. Nella notte tra domenica e ieri, infatti, qualcuno ha danneggiato le tre pareti esterne dell’edificio sacro dedicato ai Santi Pietro e Paolo, imbrattandole con letame.

Solamente la facciata della chiesa è stata risparmiata, forse perché meglio illuminata e meglio visibile dalle abitazioni vicine, mentre sul resto del perimetro murario dell’edificio sono comparsi strisciate e spruzzi ad altezza d’uomo, ma anche delle manate.

Ad accorgersi dell’episodio, verso le 8,30 di ieri, sono stati i residenti nella zona: al loro risveglio, infatti, hanno fatto la triste scoperta ed hanno immediatamente telefonato al parroco, don Giuseppe Brocchetta, che risiede presso la parrocchia di Santa Maria Assunta a Flaibano. Una volta giunto sul posto, don Giuseppe ha avvertito i carabinieri di Fagagna, ai quali ha poi sporto regolare denuncia contro ignoti. Oltre agli uomini dell’Arma, sono intervenuti sul luogo anche i vigili municipali e il sindaco Valerio Del Negro.

La chiesa di Barazzetto era stata solo di recente oggetto di intervento restaurativo. I danni provocati da questo raid vandalico sono ingenti, poiché non basterà ripulire, ma bisognerà imbiancare di nuovo tutti i muri. Al di là dei danni materiali, però, si deve fare il conto con quelli morali: gli inquirenti, pur propendendo verso il fatto che si sia trattato della bravata di un gruppo di giovani, ed escludendo che si tratti di un affronto diretto al parroco (Vissandone e Barazzetto non sono seguite dallo stesso sacerdote) non escludono che i responsabili possano anche essere dei fanatici, seguaci di un altro credo religioso, che intendono proprio colpire i simboli della religione cristiana.

L’atto vandalico di Barazzetto fa seguito a un analogo episodio accaduto alla vigilia di Pasqua a Vissandone di Basiliano, ai danni della chiesa dedicata a San Michele Arcangelo. Proprio nella notte tra Sabato Santo e la domenica di Pasqua, dopo le funzioni della veglia, alcuni vandali, verso le 2 del mattino, hanno imbrattato di sterco la porta d’ingresso, le pareti frontali, laterali e la statua della Madonna che si trova nel prato di fronte al luogo sacro.


Dell’atto profanatore si era accorto l’addetto alle cure del tempio verso le otto del mattino mentre si recava ad aprire la porta principale per avviare le sacre funzioni pasquali.Anche su quell’episodio sono in corso indagini dei Carabinieri.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro