Menu

A Gorizia passano l’ex caserma Toti-Bergamas e la caserma dei pompieri

GORIZIA. Un patrimonio che supera i 15 milioni di euro. È il valore degli immobili in provincia di Gorizia che l’Agenzia del demanio ha deciso di dismettere e che saranno ceduti a vario titolo, oneroso o gratuito, agli enti locali.

La fetta più grossa è costituita dalla dismissione della caserma Toti-Bergamas di Gradisca, valutata 5 milioni 52 mila 494 euro: l’amministrazione comunale della città della Fortezza ha avviato, già lo scorso anno, i contatti con i vertici dell’Agenzia demaniale, proponendo una serie di soluzioni per il recupero urbanistico dell’ampia area.

Il documento del demanio, aggiornato al 30 aprile scorso, è provvisorio e contiene in alcuni casi anche terreni e fabbricati già oggetto di procedure di dismissione. A Gorizia, oltre a un condominio di via Dante, “ballano” le situazioni della caserma dei vigili del fuoco di via Leoni (2 milioni e 61 mila euro) e del terreno in via Fermi (valutato 1 milione 74 mila euro), già di competenza dell’aeroporto Duca d’Aosta, con una particella che sconfina nel territorio comunale di Savogna.

Farra, Mariano, Capriva, Medea e Cormòns sono toccati dalle dismissioni di relitti di bonifica del torrente Versa. All’interno del corposo elenco sono inserite anche strutture come le caserme della Guardia di finanza Sfiligoi e Serra (Dolegna, con una valutazione rispettivamente di 138 mila e 237 mila euro), Trezza e Monte Dosso Faiti (a San Floriano, 373 mila e 330 mila euro), Zegla (177 mila euro) e Monte Fortin (Jamiano, 266 mila euro).

Quarantuno poi i fabbricati catalogati che compongono il complesso della polveriera di Peteano: il terreno su cui sorge la struttura, costituita da una serie di gallerie scavate tra il 1974 e il 1976 sotto il monte San Michele, è valutato dall’Agenzia del demanio mezzo milione. Il Comune di Sagrado, che dovrebbe verosimilmente ottenere il via libera all’acquisizione, sarà chiamato a valutare la destinazione d’uso delle strutture. A Monfalcone, 430 mila euro sono valutati i terreni dell’ex roggia del Mulinat.

Oltre due milioni di euro vale, secondo
il demanio, l’ufficio circondariale marittimo di Grado, che trova ospitalità in uno stabile in via Marchesini. Non mancano poi fabbricati di vario genere, dagli appartamenti alle autorimesse, scuole (è il caso di San Canzian, con il complesso di via Due fiumi), fortificazioni, canali e strade.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro