Quotidiani locali

PRESENTAZIONE

Udine dopo la rotta di Caporetto

La storia militare, intesa come conoscenza delle battaglie, degli ordinamenti degli eserciti, delle armi, delle vicissitudini dei reparti, ancorché sottovalutata nei decenni da un certo filone

La storia militare, intesa come conoscenza delle battaglie, degli ordinamenti degli eserciti, delle armi, delle vicissitudini dei reparti, ancorché sottovalutata nei decenni da un certo filone culturale, risulta fondamentale per comprendere le dinamiche dei conflitti. Non si può avere una visione globale della storia italiana ed europea, ne tantomeno della storia del Friuli, se si ignora l'aspetto militare. Ciò non toglie che un conflitto, e particolarmente un evento tragico come la Grande Guerra, coinvolga masse di civili che subiscono le vicende belliche, cercando di sopravvivere in situazioni fortunatamente, oggi, impensabili. È il tema del libro Udine nel suo anno più lungo. Ottobre 1917/novembre 1918, scritto da Ferruccio Costantini, che sarà presentato, al Museo della Grande Guerra di Ragogna (nella foto) sabato 21 maggio alle 18. Interverranno il sindaco Mirco Daffarra, l'editore Giovanni Aviani, il curatore Lucio Costantini e Fulvio Salimbeni storico dell’ateneo di Udine.

Trova Cinema

Tutti i cinema »

In edicola

Sfoglia Messaggero Veneto
su tutti i tuoi
schermi digitali. Il primo mese è gratis.

Abbonati Prima Pagina
ilmiolibro

Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana