Menu

Muore a 7 giorni
dall’incidente in moto

Latisana,  la vittima è Oscar Blasutto, di 49 anni. Era finito fuori strada all’altezza della nuova rotonda dei Picchi.

LATISANA. La grinta del leone ha dovuto arrendersi. Troppo grave quel trauma alla testa rimediato cadendo con la moto una settimana fa e che aveva impensierito i medici da subito, lasciando poche speranze ai familiari che però ci hanno creduto fino alla fine, come accade sempre in questi casi, respingendo la ragione e lasciando spazio alla voce del cuore.

Oscar Blasutto se n’è andato. Il 49enne biker rimasto vittima di un incidente stradale all’alba del 21 luglio, dopo otto giorni di coma dal quale non si era mai ripreso ieri mattina alle 6 ha cessato di vivere.

E’ toccato all’amico di sempre, Giovanni Camber, dare l’annuncio verso le 10 di ieri alle centinaia di amici che in questa settimana nella pagina di Facebook non avevano mai fatto mancare il loro appoggio a Oscar scrivendo tutti i giorni post nella sua bacheca augurandogli e augurandosi di poterlo rivedere in breve in sella alla sua due ruote.

Quasi ogni giorno l’amico Giovanni pubblicava una nota con le condizioni di salute, stabili ma sempre gravissime di Oscar, che purtroppo non ha mai risposto ai farmaci somministrati dai medici del reparto di terapia intensiva dell’ospedale triestino di Cattinara dove il biker era stato elitrasportato subito dopo l’incidente per la gravità del politrauma riportato con la caduta in moto.

Il 49enne, originario di Gemona del Friuli, stava rientrando da Lignano Sabbiadoro pochi minuti prima delle 5 di giovedì 21 quando, per cause che sono ancora al vaglio dei Carabinieri del Nucleo radiomobile della Compagnia di Latisana, affrontando la nuova rotonda dei Picchi lungo la strada regionale 354, ha perso il controllo della sua Harley Davidson arancione carambolando sul terriccio della rotatoria e finendo contro un palo dell’illuminazione dalla parte opposta, riportando diverse fratture ma soprattutto un forte trauma cranico.

Qualche mese fa un altro incidente in moto non aveva piegato Oscar, che subito era risalito sulla sua Harley, la sua vera passione: da un po’ era anche rientrato a vivere nella Bassa, a Paludo di Latisana, in una zona dove aveva vissuto e operato come artigiano più di una decina di anni fa.I familiari, il fratello Luciano e la sorella Francesca non sanno ancora quando potranno organizzare il funerale per Oscar, il fascicolo dell’incidente è ancora in mano alla Procura della Repubblica di Udine e fino a quando non concederà il nullaosta non sarà possibile fissare una data che la

famiglia pensa possa essere per la seconda metà della prossima settimana. Molto probabilmente si tratterà però di un funerale celebrato in forma privata, la famiglia e gli amici più cari, né a Latisana né a Lignano ma in una località delle colline udinesi.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro