Menu

La vendemmia parte in anticipo
Più produzione di uve bianche

Pittaro (Assoenologi): «Dopo ferragosto comincerà la raccolta in quasi tutta la regione». Fedagri: sarà un’annata buona come quantità ed eccellente.

UDINE. La produzione cresce e torna ai livelli tradizionali, il tempo corre e nei vigneti del Friuli Venezia Giulia si prepara già la vendemmia. L’anticipo della raccolta è ormai una costante: quest’anno c’è chi pensa di iniziare a vendemmiare subito dopo Ferragosto. «Dal 20 agosto ogni giorno è buono», spiega Piero Pittaro, fondatore di Assoenologi e titolare dell’azienda di famiglia di Codroipo. Negli ultimi giorni le associazioni specializzate hanno già elaborato le proprie stime sulla vendemmia 2011.

Secondo Veneto Agricoltura, nella zona della Doc Friuli Grave, in provincia di Udine e Pordenone, si avrà un anticipo di sette-dieci giorni, mentre la produzione di uve bianche sul Collio e sul Carso dovrebbe essere cresciuta del 5% rispetto al 2010. Nel Friuli Grave, in particolare, le varietà precoci dei vitigni hanno iniziato la fioritura alla fine della seconda decade di maggio, circa 10-12 giorni in anticipo rispetto al 2010. da punto di vista sanitario è molto bassa la pressione di peronospora, rari i focolai di oidio e le infezioni di botrite. Per il grado zuccherino sarà importante l’andamento climatico del mese di agosto per le varietà precoci e settembre per quelle tardive.

Nelle province di Gorizia e Trieste le varietà precoci (Pinot Grigio, Sauvignon, Chardonnay) presentano un anticipo di fenologia di oltre una settimana rispetto all’anno scorso; le altre, comprese quelle presenti nel territorio carsico (Vitovska, Terrano), manifestano rispetto all’anno precedente un anticipo di maturazione meno accentuato. Il grado zuccherino è nella norma, e la sanità delle uve ottima. Per le uve bianche si prevede una produzione del 5% superiore rispetto al 2010 mentre per quelle rosse la produzione dovrebbe invece rimanere invariata.

Anche gli esperti di Fedagri Friuli Venezia Giulia prevedono un inizio anticipato della vendemmia. «La produzione di uva prevista si attesta sugli stessi livelli dell’anno passato (vigne grandinate a parte) - ha spiegato Denis Ius, responsabile del settore vinicolo dell’associazione - e, quel che è più importante, sarà una vendemmia buona come quantità ed eccellente sotto il profilo qualitativo, con le nostre cantine completamente svuotate». Dalla cantina di Codroipo, Pittaro svela l’annata che verrà. «Molto dipende dalle zone, comunque l’anticipo ormai è una costante. Dopo il 20 agosto ogni giorno è buono. Soprattutto, avremo bisogno del bel tempo, perché l’uva si asciughi». La produzione a livello regionale è cresciuta in modo complessivo,

anche se le zone che hanno subito le grandinate potranno accusare qualche leggera flessione. Sulla qualità, però, Pittaro garantisce: «L’uva è bella, la stagione si profila bene». Sul fronte dei prezzi si registra un aumento del 20-25% del costo dell’uva.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro