Quotidiani locali

Porcia, il parroco difende
la corsa degli asini

Il parroco don Daniele Fort dalla parte  della tradizionale manifestazione: «Trasmette ai giovani il rispetto per gli animali.»

PORCIA. E’ conto alla rovescia per l’edizione numero 108 della corsa degli asini di Porcia, evento tradizione nell’ambito dei festeggiamenti della sagra dell’Assunta, organizzata dalla parrocchia di San Giorgio. Alle 19.30 di domenica tutti a tifare per l’asino più veloce che percorrerà nel minor tempo il circuito predisposto nel “mussodromo”, il percorso allestito nell’area festeggiamenti dell’oratorio. Come ogni anno, però, assieme ai preparativi per questo appuntamento, ci sono anche le proteste degli animalisti. «Li invito ad assistere con i propri occhi alla corsa», ha dichiarato il parroco di Porcia, don Daniele Fort. L’attenzione per gli animali è al primo posto nella predisposizione dell’evento, e il parroco lo spiega chiaramente. «Da alcuni anni non si fa più la salita al campanile – ha sottolineato –, ma ci si limita ad arrivare ai piedi della rampa. L’Azienda sanitaria ha anche condotto un sopralluogo per verificare che tutto si svolga nel massimo rispetto degli asini, ed è stato confermato che è tutto in regola».

Il secondo aspetto riguarda il luogo in cui si corre. «Non più per le strade come avveniva un tempo – ha messo in evidenza ancora don Daniele –, ma su terra battuta e nel cortile dell’oratorio. In questo modo si evita che gli animali scivolino, cadano o si possano far male. Inoltre, gli asini arrivano sul posto più di un’ora prima, i bambini hanno la possibilità di avvicinarsi, accarezzarli e salire in groppa. Quindi, al momento della corsa vera e propria, che viene effettuata da gente giovane e poco pesante, si vieta l’uso di frustini e si monta a pelo, senza briglie».

Insomma, uno spettacolo che prevede il massimo delle tutele per gli animali coinvolti. «Le mail di protesta e le petizioni arrivano anche a me – ha affermato il sacerdote –. Mi si accusa di non avere amore per gli animali, in quanto è da criminali costringere le bestie da soma a disputare una gara, salire sul campanile. Ebbene, io, come cristiano e amante degli animali, non me la sento di considerare la corsa uno spettacolo cruento. Anzi, trasmette ai giovani che vi partecipano il rispetto nei confronti degli animali».

La sagra dell’Assunta di Porcia, che terminerà

martedì 16, proseguirà oggi con una serata giovani con un cover band dei Queen, quindi domani e sabato sarà protagonista il ballo, mentre per la chiusura dei festeggiamenti sono previste l’estrazione della lotteria e, a mezzanotte, i fuochi d’artificio.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PROMOZIONI PER GLI AUTORI, NOVITA' ESTATE 2017

Stampare un libro, ecco come risparmiare