Quotidiani locali

L’ “altra” Carnia
Archeologia e arte
fra i monti

Qui si posso trovare un foro romano fra le montagne, siti archeologici, pievi medievali, incantevoli affreschi, piccoli ma preziosi musei, raffinate oreficerie.

Un foro romano fra le montagne, siti archeologici, pievi medievali dichiarate dalla Soprintendenza Monumento nazionale, incantevoli affreschi, piccoli ma preziosi musei, raffinate oreficerie: la Carnia ha in serbo per i visitatori molto più di quanto si pensi, è ricca di attrattive storico- culturali che non ci si aspetta di trovare in una zona di montagna isolata, verde e selvaggia quale è.

Pievi medievali, isolate in alto sui crinali dei monti, dominano le principali vallate della Carnia e le antiche vie di comunicazione. Fondate spesso là dove un tempo c’erano punti d’avvistamento romani a controllo di traffici e merci, si trovano lungo la valle del Tagliamento (Cesclans, Verzegnis, Invillino, Enemonzo, Socchieve, Ampezzo e Forni di Sotto), la valle del But (Santa Maria oltre But, Illegio e San Pietro di Zuglio), la Val Degano . Alcune di esse sono in prossimità di siti archeologici di notevole rilievo, come la Pieve di Santa Maria di Gorto ad Ovaro, che si trova nei pressi del sito di San Martino, dove si possono ammirare ancora oggi i resti di un' imponete basilica paleocristiana.

I resti del foro romano e degli edifici pubblici e privati di Zuglio e il suo interessante Museo archeologico testimoniano l'imponenza del centro politico, religioso e commerciale di Iulium Carnicum, ultima città romana dell’Italia nord-orientale, edificata lungo la Via Iulia Augusta, che collegava Aquileia con il Norico (l’attuale Austria).

Scavi archeologici hanno riportato alla luce resti preistorici, celtici, romani, paleocristiani: si possono ammirare ad esempio l'impianto paleocristiano di Colle Zuca, nei pressi della Pieve di Santa Maria Maddalena a Villa Santina; l'importante insediamento fortificato sul Colle Mazèit di Verzegnis; gli scavi nei pressi della Pieve di San Floriano (splendidi gli affreschi che ne decorano l’interno) e di siti fortificati di Illegio, in comune di Tolmezzo.

Pacchetti fra arte e cultura In Carnia il connubio tra arte, Pievi, architettura, archeologia industriale e storia antica rappresenta un’occasione per interessanti itinerari culturali, che portano a scoprire la storia di questa terra. Carnia Welcome ha ideato una serie di pacchetti tematici, validi fino al 30 ottobre, della durata da 2 a 7 giorni. Quattro sono gli itinerari tra cui scegliere, ognuno dei quali esplora diverse tappe e diverse vicende della storia carnica: “La fede e l'arte”, “Storia, arte ed archeologia, “Le vie delle rogazioni”, “Le vie della

fede” porteranno i visitatori a scoprire perle d'arte che le montagne hanno conservato e che sanno rivelare la bellezza di questa terra tutta da scoprire.

Info: Carnia Welcome, tel. 0433 466220, e-mail: info@carniawelcome.it, web: www.carnia.it .

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SPEDIZIONI FREE

Stampare un libro, ecco come risparmiare