Menu

Dibattito a San Daniele coi figli di Moro e Bachelet

Agli incontri “Una vita spesa per la legalità” interverranno pure Ambrosoli e Fava L’iniziativa degli studenti del Manzini è rivolta a tutta la cittadinanza

SAN DANIELE

Dalle prime lezioni organizzate un paio d’anni fa sulla Costituzione, dedicate a un gruppo d’insegnanti delle locali scuole elementari, a un impegnativo progetto, stavolta pubblico, battezzato “Una vita spesa per la legalità”, che dal 21 ottobre al 16 dicembre porterà in città i figli di Vittorio Bachelet, Giorgio Ambrosoli, Aldo Moro e Giuseppe Fava. Dietro all’organizzazione di questi quattro incontri, che si declineranno in una parte aperta al pubblico e in una riservata agli alunni dell’istituto Manzini di San Daniele, c’è l’associazione “Per la Costituzione” presieduta dal prof. Francesco Lo Sciuto e nata allo scopo di promuovere la conoscenza della carta costituzionale e dei vari temi che vi si legano. Il nucleo fondante del sodalizio corrisponde in particolare a un gruppo d’insegnanti del Manzini allargato ad alcune personalità della vita culturale sandanielese e friulana tra cui, oltre a Lo Sciuto, Paolo Mocchi, Paolo Patui, Valerio Mattioni e Carlo Venuti. In origine l’associazione si dedica al mondo che conosce meglio, quello della scuola, organizzando prima per gli insegnanti delle elementari, poi per quelli delle medie, corsi di formazione sulla costituzione che hanno coinvolto sia membri dell’associazione che eminenze accademiche come il prof. Sergio Bartole, emerito di diritto costituzionale all’università di Trieste. Nel 2010 l’attività si estende ai ragazzi del Manzini, che hanno potuto incontrare magistrati del calibro di Bruno Tinti e Gherardo Colombo, iniziando a “masticare” il concetto di legalità con il quale si sono poi misurati partecipando a un concorso, figlio, ancora una volta, dell’associazione. Dopo insegnanti e studenti, per il sodalizio è ora giunto il momento di coinvolgere la cittadinanza, di uscire dall’aula e approdare in centro storico, ospite della parrocchia di San Michele all’auditorium “Alla Fratta”. E’ qui che il prossimo 21 ottobre, alle 20.45, debutterà il ciclo d’incontri “Una vita spesa per la legalità”. Protagonisti dei quattro appuntamenti saranno il primo giorno Giovanni Bachelet, figlio di Vittorio, il giurista assassinato dalle brigate rosse nel 1980; Umberto Ambrosoli (25 novembre), figlio dell’avvocato Giorgio, ucciso da un sicario mandato dal banchiere Michele Sindona; Agnese Moro (16 dicembre), il cui padre

Aldo, cinque volte presidente del consiglio, fu ucciso dai brigatisti rossi nel ’78; infine Claudio Fava (la data è in via di definizione), figlio di Giuseppe, direttore del “Giornale del sud” ucciso dalla mafia nel 1984.

Maura Delle Case

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro