Menu

Festa in tutto il Friuli
per Sant’Andrea 

Sant’Andrea, in casa nostra, ha uno stretto collegamento calendariale con il purcitâ, l’uccisione, un tempo nel cortile della casa colonica, del maiale.

UDINE. Sant’Andrea, in casa nostra, ha uno stretto collegamento calendariale con il purcitâ, l’uccisione, un tempo nel cortile della casa colonica, del maiale. C’è tanto di proverbio che sentenzia A Sant’Andree il purcìt su la bree. È così che nei giorni intorno al 30 novembre il maiale, allevato nelle aie friulane, veniva messo sul tavolato per essere prima ucciso e poi lavorato dalle esperte mani dei norcini, un mestiere che sopravvive ancora in molti paesi del Friuli. C’è addirittura un albo dei norcini che registra ben 101 rappresentanti di questo lavoro che ancora esercitano. È stato istituito a Fagagna, nel 2006, in occasione di una giornata dedicata alla cultura del maiale, ospitata nel Museo della civiltà contadina di Cjase Cocèl.

Il maiale un tempo, ma ancora oggi, è un vero e proprio salvadanaio perché tutte le parti dell’animale sono commestibili. Nella vita contadina rappresentava una sicurezza. Ed ecco che il maiale, anzi i suoi... derivati, sono anche nel nostro tempo motivo di incontro e di richiamo. Tradizionali festeggiamenti paesani nell’ultimo fine settimana del mese, con prodotti suini, a Pozzecco di Bertiolo e anche la piazza di Campolongo al Torre ospita un mercato con degustazioni. Purcitade in place, seconda edizione, a Sequals con dimostrazioni di norcini e assaggi per tutti in un incontro fissato in piazza del Municipio. La Parrocchia e la Pro loco Alta Val Molina, ad Attimis, propongono la Festa del Patrono con ricette della tradizione e la settima edizione del Concerto di fisarmonica intitolato al musicista Belfiore Flocco, famoso nel mondo per il suono della sua fisarmonica.

A fine novembre la Pro loco di Basiliano, con la collaborazione della Parrocchia e delle associazioni locali e il patrocinio del Comune, festeggerà il suo Patrono. Anche qui non mancheranno i saporiti piatti a base di carne suina e delle iniziative culturali e musicali di... contorno. Purcit in Staiare nella ospitale Artegna con la possibilità di assaggiare, nei camarins delle case, i prodotti a base di carne suina lavorata artigianalmente da norcini artegnesi. Pozzuolo, proprio il mercoledì 30, ricorda il suo patrono con una rassegna musicale e prodotti agricoli locali. Sant’Andrea è patrono anche di Budoia. La giornata dei festeggiamenti sarà allietata da intrattenimenti e spettacoli. Sacro e profano a Povoletto per la 40a edizione della Festa della Madonna Immacolata e della Norcineria a cura della Pro Loco.

Insomma i prodotti ricavati dal maiale, ancora oggi, tengono banco nel mangiar friulano. Il fatto è testimoniato anche dalle tante feste popolari, dagli stand predisposti sotto l’occhio esperto dei maestri norcini e dalle trattorie e ristoranti che, in questa stagione, propongono le specialità suine del territorio.

Il professor

Pier Luigi Monachini, dell’Università di Milano, nel corso di un convegno tenuto all'Università di Udine, ha sostenuto che il maiale è diventato... maiale vivendo con l’uomo. Però va detto che questo animale è riuscito a creare una “civiltà del maiale”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro