Quotidiani locali

Centro diurno per anziani, sconti sulla retta

Roveredo, l’agevolazione per i non autosufficienti che usufruiscono del servizio semiresidenziale

ROVEREDO. Gli anziani non autosufficienti che usufruiscono del servizio semiresidenziale del Centro diurno potranno beneficiare di riduzioni sul costo della retta: la giunta comunale guidata dal sindaco Sergio Bergnach, infatti, ha approvato lo schema di convenzione con l’Ass 6 per l’erogazione del contributo regionale finalizzato all’abbattimento della retta di accoglimento nel servizio garantito dalla struttura di via Carducci. E’ stato possibile stipulare tale convenzione a seguito del sopralluogo, eseguito l’11 novembre scorso, con cui è stato accertato che il Centro diurno ha i requisiti strutturali e gestionali previsti dal regolamento approvato dall’esecutivo regionale il 18 novembre 2010. Con la firma di tale convenzione, gli utenti della struttura che hanno il requisito di persona anziana non autosufficiente potranno usufruire della riduzione della retta, in quanto una parte della stessa sarà rimborsata al Comune attraverso l’Azienda sanitaria dalla Regione.

Nel caso della struttura di Roveredo, il contributo regionale sarà di 10,5 euro al giorno per la retta intera di 25 euro, ridotto del 30 per cento in caso di presenza inferiore alle 5 ore giornaliere. A Roveredo trovano compimento, dunque, gli sforzi congiunti di Regione, Comune e Ass per tentare di evitare il ricorso alle case di riposo come strumento di cura degli anziani non autosufficienti, ritenuto da più parti controproducente per la salute degli stessi. Nella stessa seduta della giunta Bergnach, inoltre, è arrivato il via libera da parte dell’esecutivo roveredano allo schema di convenzione con l’Ass 6 per la regolamentazione dei rapporti e delle competenze economiche inerenti il centro diurno e la gestione del nucleo residenziale della struttura, che ospita anche la Rsa e il centro riabilitativo dell’Airri. Nella convenzione viene stabilito che rimangono a carico dell’Ass 6 le pulizie degli spazi promiscui (corridoi, sale televisione e da pranzo), nonché di quelli riservati al Centro diurno e al nucleo sperimentale, per un importo annuo di 4 mila euro, che il Comune di Roveredo rimborserà all’Ass. L’Ass si impegna anche a fornire i pasti per gli utenti del Centro diurno e del nucleo residenziale a un costo di 4.48 euro cadauno più Iva. L’Ass 6, inoltre, metterà a disposizione il personale infermieristico, il medico e il personale per la riabilitazione. Infine, alcuni ospiti della Rsa potranno usufruire, per il tempo di degenza, delle attività di animazione del centro diurno. Attraverso una doppia approvazione in giunta, dunque, l’esecutivo comunale ha inteso garantire dei servizi ottimali non soltanto agli anziani che ruotano attorno al centro diurno, ma anche ai cittadini che usufruiscono dei servizi a esso correlato. Determinanti nella stipula delle due convenzioni, gli apporti forniti da Regione e Ass, senza il cui impegno non sarebbe stato possibile ottenere simili risultati. (m.p.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Udine Tutti i ristoranti »

In edicola

Sfoglia Messaggero Veneto
e porta il cinema a casa tua!3 Mesi a soli 19,99€

ATTIVA
ilmiolibro

Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.